Tanti i nomi illustri che nel tempo hanno dato il loro contributo e hanno ampliato i confini di “Sguardo e Sogno”, l’associazione fondata a Firenze dalla poetessa Paola Lucarini Poggi che lunedì 11 dicembre, nel giorno della sua fondazione, avvenuta a Firenze nel 1997, celebra i suoi venti anni di attività con una cerimonia a Palazzo Medici Riccardi in Sala Luca Giordano con inizio alle ore 16, con il patrocinio della Città Metropolitana e della Presidenza del Consiglio della Regione Toscana: “ 20 Anni di Sguardo e Sogno, un Cammino di Poesia, una Storia di Emozioni” . All’incontro porteranno il loro saluto Emiliano Fossi, consigliere della Metrocittà delegato alla Cultura, ed Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Regionale.

Una donna che con sguardo attento osserva Firenze, città dove “Sguardo e Sogno” ha preso vita: questo il logo da una xilografia di Pietro Parigi che in questi anni ha sempre accompagnato le numerose iniziative culturali dedicate alla poesia, alla narrativa, alla musica, all’arte in genere che hanno visto il coinvolgimento di personalità del mondo culturale italiano ed europeo.
Per anni l’appuntamento mensile di “In concerto” dedicato alla poesia, alla prosa e alla musica classica eseguita dal vivo ha visto la partecipazione di autori provenienti da tutta Italia e si è affermato quale momento di riflessione critica sulla produzione lirica contemporanea, offrendo a molti la possibilità di avere nell’immediato un giudizio autorevole, serio e competente sulla propria creazione artistica.
Nel “Libero scambio di idee” una discussione aperta sui temi letterari di maggiore interesse e un momento conviviale con la lettura delle proprie produzioni mentre “L’Incontro con l’autore” è stato per anni un appuntamento molto seguito da tutti gli appassionati della lettura, nelle varie declinazioni di genere, che hanno potuto incontrare e conoscere i più grandi personaggi della cultura italiana, come Mario Luzi a Franco Cardini, Giorgio Luti, Cosimo Ceccuti, Lucio Lami.

(Visited 185 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.