Il 2018 inizia con una All Food Fiorentina Basket seconda in classifica nel campionato di Serie B. In questa stagione la squadra guidata da coach Andrea Niccolai viaggia spedita in direzione playoff che possono valere anche la A2, ma il progetto impostato dal presidente Massimo Piacenti e dal general manager Antonio Fagotti è più in prospettiva, e la promozione non è un obbligo.

«Gli obiettivi della Fiorentina Basket restano gli stessi annunciati a inizio stagione – conferma Piacenti – disputare i playoff. I risultati raggiunti finora vanno al di sopra delle previsioni più ottimistiche, ma regalano grande fiducia per il 2018». Prestigiosa anche la qualificazione in Coppa Italia, la prima volta per una formazione fiorentina: «E’ il primo punto di approdo di un lavoro iniziato tre estati fa. Il quarto posto dello scorso anno è stato un grande risultato. Ora ci stiamo confermando. Nel 2018 dovremo crescere ancora. Specie dal punto di vista societario. Dal punto di vista degli sponsor invece dobbiamo crescere: alcune importanti imprese si sono mosse, ma non basta. Dobbiamo concretizzare. L’idea del consorzio resta e va promossa con forza. Per proseguire nella crescita, servono altri apporti oltre al mio.»

Felici sono anche le parole di coach Niccolai che si appresta ad affrontare un girone di ritorno tosto e competitivo: “Siamo ripartiti da zero con grande coraggio – aggiunge l’ex campione di Montecatini – con un quintetto completamente nuovo, e con tanti ragazzi che dovevano crescere e trovare un equilibrio tecnico fra di loro. C’è stato un feeling immediato e spontaneo al nostro interno, e questo è stato fondamentale. Poi le vittorie hanno consolidato il processo. Nel girone di ritorno avremo bisogno di raggiungere picchi di rendimento e prestazioni di livello più alto, perché avremo spareggi-playoff complicatissimi fuori casa, e impegni casalinghi difficili, a partire dalle corazzate Omegna e Milano. Ci sarà bisogno davvero di un salto di qualità: quello che serve è una maggior attenzione ai dettagli, a certi particolari. Tanti piccoli elementi che messi insieme possono fare la differenza”.

Non resta che seguire le gesta della squadra viola capitanata dal fiorentino Simone Berti per vedere se arriveranno emozioni dalla palla a spicchi gigliata.

(Visited 123 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Fabio Bernardini

Fabio Bernardini Cresciuto con le gesta di JJ Anderson, ha ideato e realizzato Firenze Basketblog: si occupa della parte tecnica e scrive articoli. Come appassionato di fotografia gira i parquet, anche di Serie A, catturando immagini. Per 7 anni ha fatto parte della redazione di Nove da Firenze.