Il vecchio George Miller, il miglior attore del momento (no, non è Di Caprio), pupazzi ignudi e malinconici che fanno sesso, la dolcezza di Saoirse Ronan e Leonard Abrahmson (chi?) che gioca a fare il miglior regista del mondo! Questo e molto altro nelle previsioni per gli Oscar 2016 di Tutta Firenze!

Miglior film: Mad Max, perché una lezione di cinema della cariatide George Miller a chiunque abbia provato a fare un film d’azione nell’ultimo decennio.

Miglior Regia: Leonard Abrahmson per Room, perché girare mezzo film in una stanza e riuscire a metterci una storia piena di mondo e di vita e roba da fuoriclasse, e poi aveva già fatto due capolavori ignorati come Frank e Garage.

Miglior attore: Leonardo Di Caprio, perché Eddie Redmayne ci riprova giocando facile e Fassbender non è in forma in Steve Jobs come lo è stato altre volte, allora tanto vale darlo a Di Caprio cosi evitiamo di frantumarci le palle con gif e meme su di lui nei prossimi 12 mesi.

Miglior attrice: Saoirse  Ronan, perché voglio che mi sposi e perché Brooklyn è un piccolo gioiello in mezzo a decine di film chiassosi, soprattutto per merito suo.

Miglior attore non protagonista: Tom Hardy per Revenant, il film è lui, è il miglior attore in circolazione al momento, guardare Locke o Mad Max. Ogni volta che sale sullo schermo è magia.

Miglior attrice non protagonista: Alicia Vikander, perché aveva già dato prova delle sue capacità in Ex Machina, in The Danish Girl sotterra Eddie Redmayne e viene da chiedersi perché non abbiano fatto un film su di lei.

Miglior film d’animazione: Anomalisa, perché la solitudine di un pupazzo di pongo può strapparti l’anima e lasciartela a brandelli sparsa dentro un cinema. La Pixar dovrebbe aprire il blocchetto e prendere appunti.

Miglior sceneggiatura originale: Alex Garland per Ex Machina, un thriller tutto psicologico, una intelligenza artificiale dolce e letale, una scatola cinese su pellicola fatta di dialoghi e silenzi.

Miglior sceneggiatura non originale: Emma Donoghue con Room, perché dietro a quel bellissimo film c’è il suo libro e ci sono le sue parole che Abrahmason ha saputo tradurre in immagini.

 

oscar

(Visited 157 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Michele Arena

Interessato a tutto ciò che è Indie, ma soprattutto alla musica e al cinema, lavora come Operatore sociale a Campi Bisenzio. Il suo sogno è tenere una lezione al DAMS su Notthing Hill.