Non sono propriamente uno scrittore tradizionale, non scrivo romanzi, non scrivo gialli, né libri di fantascienza, ma racconto la vita quotidiana, semplicemente attraverso il cibo.

Nelle ricette cerco di riportare le emozioni che un piatto può esprimere e regalare, racconto quello che ogni giorno facciamo più o meno tutti: cucinare.

Questo per soddisfare il nostro palato, oltre che per sopravvivere!

Insieme ad un amico, abbiamo scritto un semplice libro di ricette. La scelta è stata obbligata: 33 ricette della cucina tradizionale Fiorentina, con un occhio particolare agli anni ’50-’60, insomma la cucina dei nostri nonni o dei nostri padri.

All’interno del nostro volume non troverete però ricette “tradizionali”, tipo panzanella, ribollita o pappa al pomodoro, perché richiedono l’uso, come ingrediente principale, il pane toscano: crosta friabile e croccante, dal sapore sciapo e leggermente acidulo. Abbiamo quindi dovuto fare una scelta diversa, sofferta, ma indispensabile, una necessità redazionale, che nasce perché, forse con un po’ di supponenza da parte nostra, vogliamo rivolgerci ad un pubblico non solo fiorentino o toscano.

Ci è sembrato giusto che Firenze, una delle capitali mondiali della cultura, ormai visitata da milioni di turisti ogni anno, avesse un ricettario che potesse esprimere la cultura della nostra tavola e che tutti ne potessero beneficiare.

Immaginate di trovare del pane toscano al di fuori del centro Italia? Molto complicato, se non impossibile! Se poi si varca l’Oceano, risulta ancora più difficile e una ribollita, una panzanella o addirittura una pappa al pomodoro preparata con del pancarré, sarebbe del tutto improponibile, nonché immangiabile.

Sono ai ringraziamenti… in primo luogo voi che mi seguite su queste pagine web, l’editore di TuttaFirenze, Andrea Musco, tutta la redazione, i direttori del giornale e i collaboratori, che ormai, dal lontano febbraio 2013, mi sopportano e supportano.

Ringrazio l’editore Lorenzo De’ Medici Press a Stefano Baravelli per la fiducia che ci ha dimostrato e ha creduto fin dall’inizio in questo progetto, la scuola di cucina Lorenzo De’Medici, lo chef Enrico Sassonia, che ci ha supportato con professionalità in questo progetto. No tralasciando però gli altri collaboratori dell’editore.

E per finire, ma al primo posto per il ruolo avuto, ringrazio Maurizio Bertelli, grande amico, cultore ed esperto della cucina tradizionale, che insieme a me ha accettato, e vissuto con entusiasmo, questa avventura a 4 mani, senza il cui contributo questo nostro ricettario non esisterebbe.

Se a qualcuno interessa questo nostro lavoro, lo può trovare nelle librerie di tutta la toscana e oltre… Oltre ai giornalai di firenze.

e infine:

https://www.amazon.it/Antichi-Sapori-cucina-Tipica-Fiorentina/dp/889983864X

https://www.lafeltrinelli.it/libri/maurizio-bertelli/antichi-sapori-cucina-tipica-fiorentina/9788899838645

Scheda CUCINA LdM

Scheda CUCINA LdM

(Visited 49 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.