Andando alla scoperta della Galizia durante le passate festività natalizie, casualmente mi sono imbattuto nel giornale Faro de Vigo. Subito sono stato attratto dall’articolo di Anxel Vence in cui si inneggiava ad una possibile rivoluzione Latinoeuropea.

Vence sostiene, che come accaduto nei Paesi Latinoamericani, presto anche il sud Europa sarà investito da una rivoluzione che cambierà tutti i sistemi di governo finora vigenti. Per il giornalista, Grecia, Spagna, Italia e Francia, nonostante le loro differenze sono tutti Paesi che saranno chiamati ad abbandonare il tradizionale sistema di alternanza di partito al potere, per sostituirlo con movimenti di rottura che offrano soluzioni valide per la risoluzione dei problemi politici, economici e istituzionali che li affliggono.

La settimana che sta per concludersi sarà certamente caratterizzata da un terremoto politico che investirà l’intera Unione europea, le elezioni anticipate in Grecia, che si terranno il 25 gennaio, potrebbero consegnare il potere nelle mani di un politico giovane e con poca esperienza: Alexis Tsipras.

Prima del voto di domenica si preannunciano giorni infuocati. La polarizzazione tra la destra e la sinistra è ai massimi livelli, e lo scontro frontale avviene oramai apertamente, persino nei dibattiti pubblici.

Le critiche a Syriza e al suo leader Tsipras, non arrivano solo dai partiti di destra, ma anche da quelli di sinistra. Il Kke, il partito comunista greco, tradizionalmente euroscettico, a favore della cancellazione unilaterale del debito pubblico, del disimpegno dall’Ue e dalla Nato, accusa Tsipras di avere posizioni troppo morbide nei confronti dell’Europa, e fin dal principio ha escluso ogni possibile collaborazione di governo.

A non rifiutare possibili alleanze con Syriza è il Pasok, pronto a fare la stampella di tutti nel prossimo esecutivo ed ora al governo con la Nuova Democrazia di Samaras. Il leader del Pasok, Evangelos Venizelos, ha affermato che appoggerà il prossimo governo di coalizione, plausibilmente con Syriza, se non ci saranno rischi per il futuro della Grecia e dell’Europa, ed in particolar modo se si segue un piano di uscita dalla crisi con tutti i partner europei.

A livello internazionale, anche se permangono paure e dubbi sulla possibile fuoriuscita della Grecia dalla zona euro, la cosiddetta Grexit, si è aperta una speranza per una probabile rinegoziazione del debito greco.

Guardare ad un’Europa senza la Grecia, è come pensare ad un’Europa senza radici. In questo contesto sociale ed economico di estrema durezza, tutta l’Unione deve dimostrare la sua solidarietà verso i più deboli, per potersi così affermare come grande entità.

Una vittoria netta di Tsipras non è ancora assicurata, ma al momento sembra l’unica personalità in campo adatta a dare una certa stabilità e prospettive future alla Grecia.

Considerando che la legge elettorale greca accorda un premio di 50 seggi alla formazione più votata e che i voti raccolti dalle forze politiche rimaste fuori dal Parlamento vengano divisi tra i partiti che superano la soglia di sbarramento del 3 %, Syriza dovrà ottenere tra il 35 e il 39% dei consensi per formare un governo da solo. Se non riuscisse a prendere i voti necessari si formerebbe un governo di coalizione in un equilibrio perennemente precario, con il rischio per la Grecia di nuove elezioni elettorali. Tale ultimo scenario potrebbe essere il collasso per il Paese.

Anche se Syriza nel voto di domenica deve convincere ancora tanti elettori, una nuova Europa potrebbe nascere dalle sponde sud del mar Mediterraneo, e le elezioni in Grecia sono la prima prova per dimostrare se questa rivoluzione dei Paesi Latinoeuropei può prendere il via.

Tsipras

 

(Visited 98 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Giacomo Bertini

Classe ’90, dopo una fallimentare carriera calcistica ho deciso di emigrare a Bruxelles per continuare i miei studi universitari, sognando una futuro internazionale. Infatti sto frequentando un Master in Relazioni Internazionali, dopo aver conseguito una Laurea triennale in Scienze Politiche. Mi piace leggere, sia giornali che libri, per mantenermi aggiornato sotto qualsiasi aspetto. Pari alla mia passione per il calcio, c’è solo quella per il giornalismo e la politica. Non sono un grande oratore, però mi piace ascoltare e osservare il mondo che mi circonda ed esprimere con la scrittura i miei pensieri. Ed ora li condividerò con voi.
http://bertinigiacomo.blogspot.it/