Dopo la sovraesposizione pseudo-informativa di fine 2017, quando raggiunse il picco di valutazione di circa 20.000 dollari, oggi si sente parlare poco di Bitcoin e di criptovalute in generale. Il valore attuale di un Bitcoin è di poco superiore ai 6.000 dollari. Rispetto a quando il valore era più che triplo, però, il costo per l’estrazione, argomento già toccato da Tuttafirenze, non è diminuito. Questo genera un problema di scarsa marginalità o, addirittura, di costo di estrazione superiore al guadagno, che rende necessario trovare energia a basso costo.

Per questa ragione si sta pericolosamente diffondendo un fenomeno fino a poco tempo fa sconosciuto: il furto di potenza di elaborazione o cryptojacking. Questa tendenza è confermata da studi dei principali operatori nel settore della sicurezza informatica, Kaspersky e McAfee in particolare.

Il bersaglio non sono tanto i grossi centri di calcolo e i sistemi di maggiori dimensioni, quanto i singoli pc, sia in ambito professionale che domestico. Due sono principalmente i mezzi per sottrarre potenza di calcolo all’ignaro utente di PC: malware specifici per minare criprovalute e siti che per tutta la permanenza del navigatore ne utilizzano il processore per fini estranei ai contenuti del sito.

In ambedue i casi, l’utente dovrebbe accorgersi di un forte rallentamento del proprio pc, di un vero e proprio calo di prestazioni. Per verificarlo è sufficiente accedere alla gestione attività del proprio PC (si ricorda che in Windows l’accesso veloce può avvenire con la simultanea pressione dei tasti Ctrl+shift+esc) e verificare se l’utilizzo della cpu da parte dei processi in esecuzione è congruente con quello che si sta facendo.

È notizia di poche settimane fa che hacker cinesi sono riusciti, nell’arco di un anno e mezzo, a minare una quantità di Monero (la criptovaluta maggiormente estratta con la tecnica del cryptojacking) superiore ai 3 milioni di dollari, a dimostrazione che il cryptojacking è un’attività redditizia.

Le precauzioni per difendersi sono comunque sempre le stesse: un buon antivirus aggiornato e molta attenzione ai siti su cui si naviga e, soprattutto, ai programmi che si scaricano (e, come sempre, ai flag preimpostati nelle procedure di installazione).

(Visited 21 time, 21 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesco Reale

Mi piace definirmi lombardo di origine, fiorentino di adozione. In realtà Firenze se ne è ben guardata dall’adottarmi. Non si è neppure sbilanciata su un affido. In sintesi, quindi, sono un apolide, con un accento da autogrill, che vive a Firenze da circa un quarto di secolo. Delle numerose passioni che coltivo, quella per la musica è il filo conduttore dei miei primi interventi su tuttafirenze, ma il mio ego ipertrofico e la mia proverbiale immodestia mi spingono ad esprimermi su qualunque argomento, con la certezza di riuscire a raggiungere vette non comuni di banalità e pressapochismo. I miei contributi hanno uno scopo ben preciso: rincuorare le altre firme, dando loro la consapevolezza che c’è sempre chi fa peggio.

ARTICOLO PRECEDENTE

Caccia ai falsi influencer