bronzini_vs_tongaForse non tutti sapranno che le nazionali di rugby di tutto il mondo fanno parte del “World Rugby Ranking”, ovvero una classifica di tutte le squadre dalla più forte, al momento gli All Blacks, fino ad arrivare all’ultima.
L’Italia al momento si aggira tra la 13° e 14° posizione (su oltre 200, ricordo) ed è andata a vincere contro la 4°, il Sud Africa due settimane fa, e perdere contro una a pari livello, il Tonga sabato scorso.

Cosa sta succedendo? Tante cose. Anche se i pronostici ci erano favorevoli il Tonga è e rimane una squadra particolarmente fisica, veloce nel gioco e aggressiva (anche nella loro haka), abbastanza da impensierire gli azzurri che non hanno dimostrato la stessa determinazione in campo di due settimane fa. Seguono poi scelte tecniche discutibili, come il volersi ostinare a giocare al piede mentre era evidente la superiorità alla mano. Risultato? Due occasioni meta sprecate, gioco falloso da ambo le parti e troppe occasioni regalate. 

Migliorata tantissimo la percentuale al piede e meravigliosa la volontà di voler cercare sempre la meta invece di accontentarsi del calcio piazzato, ma stavolta non è bastato. Perdere una partita del genere per 17 a 19 lascia l’amaro in bocca, insomma.
In conclusione le tre partite dei Test Match invernali danno a mala pena una sufficienza alla nostra nazionale e a Conor O’Shea che ora dovrà prepararsi al 6 Nazioni, li si che son dolori…

Venendo al rugby nostrano settimana prossima nuova giornata di campionato! I Medicei avranno ben due partite consecutive in casa di cui la prima il 4 dicembre contro il Cus Genova. I Cavalieri Union Prato Sesto invece saranno a combattere contro il fortissimo Pro Recco fuori casa.

(Visited 92 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.