Il rugby presenta tantissime varianti, league, union, a sette giocatori, addirittura subacqueo. Ma una versione che ultimamente sta prendendo molto campo è quello giocato in spiaggia. Quantomeno, su sabbia. Il Beach Rugby viene fortemente supportato in italia dalla LIBR (Lega Italiana Beach Rugby) con tornei annuali itineranti.
A giugno, in estrema sordina purtroppo, abbiamo avuto anche una tappa del torneo a Firenze, in Piazza Santa croce, dove i ragazzi del Florentia Rugby hanno pensato bene di organizzare l’evento sfruttando il già costruito campo per il Calcio Storico. Insomma anche qua qualcosa si muove e con mal celato orgoglio siamo a parlare della vittoria della squadra italiana alla quinta edizione dell’European Beach Fives Rugby Championship. Torneo Europeo di Beach Rugby, in altre parole.

Giocato in Russia, lo scorso fine settimana e per la precisione a Mosca il torneo  vede gli italiani comandare sia il primo girone che i quarti di finale imbattuti sconfiggendo Romania (incontrata poi nei quarti), Azerbaigan, Ucraina e Bielorussia. La finale, vinta con lo scarto di un solo punto, contro i padroni di casa. 

Si tratta si di un torneo di una versione relativamente nuova del gioco del rugby, che ancora non vede la partecipazione delle squadre più iridate, ma tant’è. La nazionale Italiana  può farsi adesso alfiere della propaganda in Europa e nel mondo di questo sport, e non è poco.

Un ritorno di immagine che ora come ora ci è di fondamentale importanza. L’Italia sta iniziando a vincere. Speriamo che i nostri continuino con la serie positiva.

 

(Visited 97 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.