The Crossing Water

Se si parla di Firenze si parla di Rinascimento, non se ne può fare a meno… è un’eredità imprescindibile, una sorta di marchio di fabbrica. E quindi non stupisce che la grande mostra antologica dedicata a Bill Viola nelle sale di Palazzo Strozzi e della Strozzina, porti il titolo “Bill Viola. Rinascimento elettronico”. Non stupisce finché non si visita la mostra e ci si accorge che questo titolo non ha molto senso, se non per il fatto che in cinque opere il video artista americano propone la rivisitazione in chiave contemporanea di cinque maestri del Rinascimento: Pontormo, Andrea di Bartolo, Masolino da Panicale, Paolo Uccello e Lukas Cranach. Nelle opere di Bill Viola l’uomo ha indubbiamente un ruolo di centralità, ma non nell’accezione positiva rinascimentale: l’artista indaga piuttosto le fragilità umane e le paure primordiali, come l’invecchiamento, il mistero della nascita e della morte. Il tempo è, in realtà, il grande protagonista dei video di Bill Viola: un tempo costantemente manipolato, che egli rallenta in maniera esasperata, blocca, inverte, fa avanzare e tornare indietro. In questa ricerca, che è al tempo stesso simbolica ed estetica, crea scenografie e atmosfere del tutto surreali, che proiettano lo spettatore in una teatralità esasperata: la semplicità del quotidiano viene amplificata e drammatizzata ed è possibile cogliere ogni minimo particolare, ogni impercettibile sfumatura. Difficile, a questo punto, non immedesimarsi, partecipare emotivamente, non riflettere sull’essenza della condizione umana e sulla sua precarietà.

Bill Viola. Rinascimento elettronico. Palazzo Strozzi, fino al 23 luglio 2017. Orario: tutti i giorni inclusi i festivi 10.00-20.00. Giovedì 10.00-23.00. Info: 055 2645155.

(Visited 128 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Beatrice Guarneri

Fiorentina da sempre, amante dell’arte da sempre. Coniuga queste due peculiarità recensendo mostre per TuttaFirenze. Altrimenti potrete incontrarla per le vigne del Chianti in sella al suo fido destriero Sel o sorprenderla mentre coccola la sua tonda miciona Zazie