garciaBatosta azzurra nella seconda partita del torneo delle Sei Nazioni, caratterizzata da un primo tempo dove Parisse e compagni tengono testa agli inglesi giocando un rugby convincente e ben strutturato. Al punto che quasi facevano pensare ad un loro possibile trionfo.
Veramente bella in questa fase l’Italia e, con una punta di orgoglio va detto, abbiamo potuto vedere le rose di Albione subire il gioco azzurro.
Il primo tempo si chiude con appena due punti di differenza e con addirittura l’Italia in attacco!

Ma la stanchezza e gli infortuni si fanno sentire. Nel secondo tempo i nostri accusano l’assenza di alcuni giocatori fondamentali come il bravissimo Garcia e il gioco azzurro inizia a fare falle. Troppa poca esperienza della nostra squadra?
Ne approfittano gli Inglesi che non ci mettono tanto ad allungare le distanze lasciando un divario a dir poco clamoroso. La partita finisce per 9-40 il che fa guadagnare una differenza punti agli Inglesi che li fa svettare in cima alla classifica e sprofondare l’Italia in coda.
Non sto a commentare ne a rispondere a chi dà già gli azzurri spacciati con il fantomatico “cucchiaio di legno” in mano. Troppo presto per parlare.

Venendo alle altre partite anche le ragazze della nazionale non reggono il colpo con le inglesi ma fanno decisamente una figura migliore dei colleghi maschi non cedendo il campo e perdendo soltanto per 33-24.

Tornando al torneo maschile abbiamo poi  la vittoria della Francia sulla Irlanda per 10-9 e il Galles che vince contro la Scozia per 27-23 il che conferma la classifica di cui sopra.

Turno di riposo settimana prossima del torneo, si svolgerà una regolare giornata di campionato dove potremo vedere in zona il Prato Sesto ospitare il Cus Genova (per il pool salvezza) domenica 21 alle 14:30 e  lo stesso giorno, per la serie B (sempre pool salvezza) il Firenze rugby 1931 contro il Modena rugby 1965.

Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, musicista da tempo immemore, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.