La presenza in Challenge Cup del Calvisano e la scomparsa della Continental Shield ha costretto la Federazione Italiana a rivedere il calendario della Coppa Italia con una formula che non è esagerato definire originale. Fatto sta che la partita tra Colorno e Medicei giocata lo scorso sabato avrà una replica tra due settimane per il Top12.
In altre parole ghiotta occasione per testare la squadra e fare ulteriore rodaggio. Occasione che Presutti e Basson non si sono fatti sfuggire.
Essendo, tra l’altro, una partita inutile ai fini della qualificazione alle semifinali della Coppa Italia, è stata anche occasione per schierare giocatori che hanno avuto minore minutaggio rispetto al XV titolare e molti nuovi arrivati dal vivaio fiorentino con addirittura tre esordi; Mannelli, Di Puccio e Biagini.

Il risultato è stato una partita si persa per un punto, 17-16 per la precisione, ma con tanti ottimi spunti su cui lavorare. Molto bene è andata la fase difensiva e la mischia ordinata. Peccato per il cedimento nell’ultimo quarto e i due calci piazzati sbagliati a fine partita che hanno compromesso il risultato.

In altre parole i Medicei stanno dimostrando nuovi innesti agguerriti e con molta voglia di fare, Mannelli su tutti, cosa di cui ultimamente hanno gran bisogno viste le prove decisamente al di sotto dello standard a cui eravamo abituati mostrate dai bianco rosso argento. Due settimane li separano dal prossimo impegno, dicevamo, per il campionato di Top12 e la possibilità di riscatto c’è. Tutto sta nel lavoro di Presutti, assente sabato per impegni federali, e Basson al suo esordio in panchina.

La serie negativa ed essere gli ultimi in classifica non aiuta il morale della squadra, vero, ma gli impegni che aspettano i Medicei ora dovrebbero essere, sulla carta, più a portata e la scalata delle posizioni potrebbe iniziare a breve.

Materiale fotografico da ufficio stampa Colorno

(Visited 76 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.