Questo fine settimana ha portato l’inizio di praticamente tutti i tornei italiani e non letteralmente inondandoci di partite di rugby.
Iniziamo con la Coppa Italia, ex trofeo Eccellenza, alla sua prima edizione nella nuova formula dopo la ristrutturazione della vecchia massima serie Eccellenza in Top12

Poco cambia nella formula se non l’aumento del numero delle squadre partecipanti, divise in due gironi, che ha portato i Medicei nell’affrontare, nel primo turno del girone 2 dove militano anche Lazio 1931 e Valorugby Emilia, il Viadana nello stadio Luigi Zaffanella. La disciplina continua a essere un serio problema per la squadra fiorentina che troppo regala agli avversari. Nonostante un robusto turnover di giocatori che ha dato maggiore visibilità a giocatori con minore minutaggio e l’esordio di un giocatore del 2000, Del Bono, autore di una buona prova tanto da ricevere i complimenti, indiretti perché in intervista, da parte del coach Pasquale Presutti, la squadra fatica nel primo tempo ad arginare il gioco particolarmente aperto del Viadana.

Secondo tempo in ripresa con due mete gigliate che accorciano tantissimo il divario tra le due squadre e il match si conclude per 22-17 a favore dei padroni di casa. Comunque sia la nuova formula, con giocatori con minor minutaggio, dei Medicei ha risposto bene il che fa ben sperare per il secondo turno di Coppa Italia, settimana prossima contro il Lazio 1391.
L’interesse in questa manifestazione e l’impegno ci sono tutti, non resta che stare a vedere come si muoveranno gli atleti fiorentini.

Da segnalare poi, in entrambi i gironi la vittoria delle neo promosse in Top12, ovvero il sorprendende Valorugby Emilia ha sconfitto di un punto il Lazio 1931 e il Valsugana è riuscito nell’impresa di battere il San Donà. Forse a breve vedremo un nuovo rugby italiano?

 

(Visited 69 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.