Leinster – Benetton Treviso

Dopo tanti anni siamo finalmente tornati ad avere tre squadre presenti in Challenge e Champions cup infatti il Calvisano  è quest’anno di rinforzo al Benetton Treviso e Zebre nel rappresentare i colori italiani in europa. Vincitore dell’ultima edizione della Continental Shield (torneo abbandonato dalla organizzazione italiana a favore, parrebbe, di un ben più renumerativo e prestigioso Pro14 visto che l’Italia è passata dall’essere ospite del torneo a membro paritario con Irlanda, Scozia e Galles) il Calvisano ha tutte le intenzioni di tornare a far parlare di se ma la fortuna non ha aiutato i nostri che si sono dovuti trovare ad affrontare i Cardiff Blues.
Anche se in casa la partita è stata tutt’altro che facile ma gli uomini di Brunello hanno venduto cara la pelle arrivando a mettere in seria difficoltà i gallesi, soprattutto nel primo tempo, con una qualità di gioco che ha letteralmente sorpreso lo staff tecnico italiano. Il che fa ben sperare per l’immediato futuro visto che settimana prossima voleranno in Francia ad affrontare l’insidioso Pau. La vittoria però va ai Cardiff Blues per 16-38 che non rispecchia il valore di quanto messo in campo dalla squadra.

Prova difficile e bella prestazione, in Champions cup, anche per il Benetton Treviso che è stato ospitato dal Leinster. I Leoni si dimostrano essere particolarmente insidiosi e rendono la vita difficile alla squadra che fornisce metà dei giocatori alla nazionale irlandese che però si dimostra essere più cinica e di mestiere. Nonostante l’eccezionale impegno del Treviso il divario tra le due squadre si fa vedere nel lungo periodo e la bella meta finale di Sperandio, al 79°, non basta a colmare la differenza di punti arrivata a 33-19. Resta però la soddisfazione di una ottima prova che conferma il trend positivo della franchigia veneta. Settimana prossima la possibilità di riscatto visto che il Treviso ospiterà il Northampton Saints. Se riusciranno a mantere questo livello di gioco, tutto è possibile.

Chiudiamo poi con le Zebre che, come abbiamo detto, nonostante le ottime prestazioni, non riescono a centrare il bersaglio. Questa volta è toccato ai Bristol Bears, bestia nera dei multicolor già da tempo sconfitta nell’ultimo scontro diretto, che hanno pensato bene di replicare il successo già ottenuto sulla franchigia federale.
I vari cambi effettuati nella formazione italiana hanno permesso di giocare alla pari con i primi classificati della Premiership ma ne fanno subire troppo pesantemente la fisicità. 59-21 il pesante punteggio finale, siglato da due mete inglesi allo scadere del secondo tempo, che mette fine al match. Settimana prossima ospite di eccezione per le Zebre. Infatti ospiteranno i parigini dello Stade Francais!

(Visited 31 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.