È di qualche giorno fa la notizia, deprimente per i fiorentini, che le guide turistiche operanti in città hanno deciso di costituire un comitato per salvaguardare l’area Patrimonio Unesco − il centro storico di Firenze − dalla delinquenza, dai venditori abusivi, dai bagarini. Sembra infatti che il turista arrivato da noi, più che guardarsi intorno per ammirare le bellezze storiche e artistiche, debba stare in guardia per schivare una serie di ostacoli e inconvenienti che potrebbero rendere il suo soggiorno poco piacevole. E non si tratta solo di scippatori, ladri, venditori abusivi, spacciatori, e ubriachi, tutta roba di cui il centro storico è del resto ricchissimo. Ma c’è anche altro, come per esempio le code per entrare nei musei.
Due saltano agli occhi più delle altre. Una è quella in via Ricasoli per l’Accademia. Già la strada è poco confortevole. Stretta, sporca, bollente d’estate, lastricata di poster e disegni dei venditori abusivi. Fanno un po’ pena quei poveretti che, stoici, affrontano ore di attesa per vedere il David formando una coda che spesso straborda in via degli Alfani.
E poi ci sono gli Uffizi. Il loggiato almeno è all’ombra. Il problema, che poi è lo stesso dell’Accademia, è che i biglietti si possono sì comprare in biglietteria, dopo ore di attesa. Se non hai prenotato, però, rischi l’autodistruzione perché sei in piedi e al caldo. E allora, per saltare la coda, ci sono gli addetti dei Tour Operator che a costo ipermaggiorato ti fanno entrare, in tempi brevissimi. Il turista accetta, a qualunque prezzo. Del resto comprare i biglietti online è praticamente impossibile, perché sono quasi sempre già esauriti, acquistati dagli stessi Tour Operator. Insomma, dagli stadi i bagarini si sono trasferiti davanti a due dei musei più importanti del mondo.
Ma i problemi di questa città, così poco premurosa con i propri visitatori, non finiscono qui. Il turista che vuole bere o mangiare viene apparentato al pollo da spennare. Prezzi da capogiro (mezzo litro d’acqua 1,50 euro…), cibo di plastica, pizza a taglio al sapore di teglia, panini e gelati tanto cari da essere quotati in Borsa.
Vista la situazione, l’Unesco e le guide turistiche minacciano sfaceli. Il Comune sembra invece che abbia minacciato di annaffiarli, se osano sedersi sugli scalini.

Share

Dicci la tua

Duccio Magnelli

Lettore un po’ bulimico, non si limita a leggere qualsiasi cosa gli capiti sotto mano ma decide anche di mettersi a scrivere. Diventa così un giornalista pubblicista che scrive di calcio e si impiccia di tutto il resto. Romanzi compresi. Come i tre che (per ora) portano la sua firma.

ARTICOLO PRECEDENTE

In attesa del(la) Via

PROSSIMO ARTICOLO

Le due città