David Pulkingham vive ad Austin (Texas) ed ha passato gli ultimi 12 anni della sua vita in tour, prima con Alejandro Escovedo, recentemente con Patty Griffin ed ha suonato al fianco di celebrità come Bruce Springsteen e Robert Plant.
David, originario di Houston (sempre Texas) – e figlio di un pastore protestante – è cresciuto in Inghilterra, poi Scozia per poi tornare negli Stati Uniti e laurearsi in jazz.

 

David, raccontaci la tua storia con Firenze.

Ho passato gran parte della mia vita in viaggio, prima con la famiglia seguendo mio padre, poi in tour, toccando molte volte anche l’Italia ma mai Firenze! Nell’inverno 2012 finalmente ho avuto occasione di passare un mese nella campagna appena fuori Firenze e poi ci sono tornato per due estati consecutive, suonando e facendo vacanza. Ne sono perdutamente innamorato!

 

Dopo aver viaggiato così tanto, che idea ti sei fatto sui fiorentini?

Sono sempre stato accolto con amicizia e ospitalità . Ho notato però che all’inizio i fiorentini non sono “caldi” ed aperti come gli americani, ci vuole sempre un po’ di tempo per far breccia. Ciò che amo in loro è il senso dell’umorismo, sarcastico ed ironico. Trovo che gli italiani siano a volte un po’ stanchi e disillusi, con il poco entusiasmo di chi ormai ha già visto e sentito tutto .

 

Parlaci un po’ del pubblico fiorentino

Devo dire che il pubblico fiorentino risponde in modi diversi: a volte e’ attento e partecipe, a volte e’ un po’ distratto e “rumoroso”. In linea di massima gli italiani hanno il mito dell’America e suonare un pezzo di Johnny Cash e’ un successo assicurato. Ma anche la mia versione di “Via con me” di Paolo Conte e’ sempre stata accolta con entusiasmo!

 

Due domande di rito: qual è la cosa di Firenze che preferisci e cosa porti via con te quando la lasci?

Tra le cose che preferisco ovviamente il cibo. Sono un amante della buona tavola ed adoro cucinare con ingredienti locali e freschi. Sono anche un gran fan del vino e del lampredotto!
Quello che amo poi di Firenze e mi porto via con me è il ritmo e lo stile di vita. Andare a piedi, lasciar la macchina a casa per far una passeggiata lungo l’Arno o per trovarsi in centro a fare un aperitivo. La scorsa estate ho scoperto il Negroni e da allora ovunque vada, ne ordino uno. Molte volte mi trovo a spiegare al barista (qui in America) come farlo e raccontare la sua origine fiorentina… cosa che mi da’ grande soddisfazione!
Tornerò in Italia ed a Firenze ad inizio estate 2014, con un nuovo album. Non vedo l’ora di andare in giro per mercati e vicoli che profumano di pane fresco.

Share

Dicci la tua

Giulia Millanta

Giulia Millanta e’ una cantautrice fiorentina.
Per anni ha suonato nei migliori clubs e festival di tutta Italia, ha partecipato per 4 anni consecutivi all’ Acoustic Guitar Meeting di Sarzana, vincendo inoltre il premio carisch come miglior chitarrista e cantautrice nel 2010.
Ha condiviso il palco con artisti come Mary Gauthier, Andy White, Joe D’Urso, Willie Nile e molti altri..
I suoi numerosi viaggi e tours (Inghilterra, Spagna, Olanda, Germania, Stati Uniti) l’hanno portata con il tempo in contatto sempre più’ ravvicinato con la scena musicale statunitense.
Lo scorso anno si è trasferita ad Austin, Texas inserendosi rapidamente nella comunità musicale della capitale mondiale della musica dal vivo.
Ha all’attivo 4 dischi solisti: Giulia and the Dizzyness (2008), Dropping Down (2011), Dust and Desire (2012) registrato ad Austin e co-prodotto con David Pulkingham e “The Funambulist” (2014), una ricerca musicale sull’arte dello star in bilico fra diverse realtà, linguaggi, domande sulla vita, la morte, l’amore e tutte quelle altre “cosette” che occupano il nostro quotidiano.

ARTICOLO PRECEDENTE

Turbati dai Disquieted By

PROSSIMO ARTICOLO

Ultimo dell’Anno