Finita la prima parentesi di coppe europee, con i risultati di cui abbiamo già potuto parlare precedentemente, torniamo al nostro tanto amato Pro14 dove anche stavolta le franchigie italiane ci regalano gioie e dolori.

In primis le Zebre, tanto contestata franchigia federale da molti appassionati considerata un vero e proprio spreco di denaro. Dopo una anche troppo lunga serie di sconfitte di cui le ultime in Challenge Cup, sono tornate alla vittoria, prima con il riscatto contro i Bristol Bears poi lo scorso venerdì, tornate nella lega celtica,  contro l’Edinburgh Rugby.

Partita iniziata con un vero e proprio assalto scozzese nelle file italiane portando il punteggio alla fine del primo tempo per 3-13. Già tutti ci eravamo preparati alla solita sconfitta alla italiana. Invece le Zebre riescono a ribaltare il parziale, arrivando alla vittoria per 34-16! Una carica capitanata da Carlo Canna, sempre in serie più che positiva, seguito dai nuovi innesti come il promettente Sisi.

I dolori questa volta ce li fanno sentire il Treviso incapace di arginare il gioco del fortissimo Leinster nonostante giocassero in casa. Un pesante punteggio di 3-31 è la prova che decisamente alcune squadre sono un avversario ancora troppo difficile per i Leoni ai quali va comunque fatto un encomio per l’eccezionale impegno messo nella partita e per l’umiltà dimostrata da tutto lo staff.

Settimana prossima ancora un turno di Pro14 con le squadre orfane dei giocatori impegnati nella nazionale. Infatti gli Azzurri sono già volati alla volta di Chicago per la preparazione della partita contro l’Irlanda. Ottima occasione per fare un pò di turnover e dare possibilltà ad altri giocatori di farsi vedere, magari qualche permit player. Magari qualche altro bel risultato male non fa.

Materiale fotografico di Tiziano Pucci

(Visited 29 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.