Coautore della ricetta Maurizio Bertelli

Uno delle pietanze più consumate ed apprezzate nel nostro tempo sono gli hamburgers. Si sono affermati negli anni ’70; fino ad allora la carne macinata veniva trattata soprattutto per fare polpette, polpettoni, sugo di carne e ripieni.
La sua affermazione come piatto di massa avviene grazie e soprattutto all’arrivo dei primi fast food, ma anche soprattutto al consenso del pubblico giovanile. Sicuramente determinante è il fatto che è un piatto veloce e pratico da cucinare, a differenza delle polpette e dei polpettoni, dove i tempi di cottura e la preparazione sono molto più lunghi.
Col tempo questo alimento si è evoluto; adesso nelle macellerie troviamo hamburgers di tutti i formati, di ogni tipo di carne e speziate in molti modi.

Voglio proporvi un hamburger col cuore di formaggio, semplice da fare e gustoso da mangiare.

Usate la carne macinata che preferite, in questo periodo la macinata di chianina è la più apprezzata, ma potete benissimo usare un altro tipo.
Per il cuore di formaggio ho usato del pecorino semi stagionato, con il risultato di avere un cuore di formaggio abbastanza denso dopo la cottura. Se invece utilizzate del  pecorino fresco, della scamorza o un pezzetto di mozzarella, otterrete un cuore di formaggio più filante.

Ingredienti per 4 hamburgers

Macinata di bovino 700g
Pecorino 150g
Spezie varie
Sale pepe q.b.

Ho usato un coppa pasta per preparare l’hamburger, mettendo la macinata speziata e condita come più vi piace, pressandola leggermente, scavandola, e inserendoci un pezzetto di formaggio, ricoprite poi con altra macinata e pressate nuovamente.

Cuocete e servitela possibilmente calda

Buon appetito

… e come sempre fatemi sapere…

 

(Visited 64 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.