Pasticceria Cosi piazza Gavinana 8r &
I dolci di Patrizio Cosi borgo degli Albizi 15

Se a Firenze ti chiami Cosi, apri una pasticceria!

Questa settimana a sorpresa due bar invece di uno e addio prova costume!
Ma forse non è ancora tutto perduto, infatti, se decidete di provare le due pasticcerie Cosi vi consiglio di andare a piedi dall’una all’altra e così, passeggiando sui lungarni potrete smaltire almeno in parte quello che di sicuro assaggerete.
Non ho mai scoperto se i proprietari di queste due pasticcerie siano in realtà parenti ma i locali e i dolci lo sono di sicuro.
Entrambi i bar hanno lunghi banconi di legno chiaro e tanti specchi, ci sono piccoli tavolini per fare colazione e l’immancabile Nazione ben spillata sul bordo per scoraggiare eventuali ladri di cronache di Firenze.
Il personale dietro al banco indossa una divisa ben curata con annesso cappellino ma purtroppo a volte sono un po’ reticenti al sorriso.
Ma se andate dai Cosi per sorridere vi basterà dare uno sguardo ai lunghi banconi veramente strapieni di ogni bendiDio.
Come nei bar di una volta o se preferite in quelli Piemontesi, le brioche per la colazione sono in alto su ripiani riscaldati (che personalmente non adoro) mentre in basso ci sono mignon di semolini, mini sacher e millefoglie e via ancora biscotti secchi e alla pasta di mandorle e in fondo vicino alla cassa pochi ma buoni salati.
Quando molti anni fa leggendo Harry Potter trovai che i maghi avevano delle caramelle ai TuttiGustipiùUno pensai subito che J.K. Rowling avesse scritto il libro non  seduta da Starbucks come leggenda vuole ma davanti al banco delle bignoline delle due Pasticcerie Cosi.

Il prezzo: cappuccino + brioche 2,50€
Il pezzo forte: queste due pasticcerie sono di quelle che hanno solo un piccolo ingresso sulla strada perché non gli serve avere grandi porte aperte quando il sublime odore di crema e dolci caldi si sente a 100 metri di distanza.

(Visited 59 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Carlotta Ansaldi

Frutto dell’unione tra San Niccolo’ e la Colonna, nata per il Capodanno fiorentino vivo in Oltrarno… piu’ fiorentina di me forse c’e’ solo la bistecca.
Amo tanto gli animali, i libri, i miei tanti studenti e il mio lavoro di Archeologa per bambini ma la mia vera grande passione sono cappuccino, pasta e cronaca di Firenze rigorosamente al bar!