Andrea De Marchi

Ci siamo, dopo tanto lavoro, riunioni, conferme e disdette siamo arrivati alla nascita del nuovo massimo campionato di rugby italiano. Abbandonato il nome “Eccellenza” che troppo ricordava la serie cadetta del calcio andava trovato un nome più allettante per meglio attirare sponsor e fan, ma la cosiddetta Lega delle squadre stenta a staccare il cordone ombelicale dalla FIR e ne continua a subire la volontà, anche se in parte. Infatti è stata scartata dalla federazione la prima proposta di nominativo a favore, appunto, dell’altisonante Top12.

Forse non è stata notata una anche troppo similiarità con il francese Top14, ma tant’è. Il Trofeo Eccellenza diventa Coppa Italia e tutte le formule di campionato sono già state redatte.

Tempo insomma di iniziare a scaldare i motori e I Medicei non sono stati certo a guardare. Notizia di qualche giorno fa è l’arrivo dei nuovi giocatori e tutti gli appassionati hanno potuto ammirarli nel primo allenamento a porte aperte avvenuto lunedì 23 luglio.
Nella nuova rosa della squadra fiorentina, oltre ai vari confermati, molti sono i nuovi arrivi e da molte squadre tra cui notiamo Cavalieri Union Prato Sesto e i Vasari Arezzo.

Arrivi anche più blasonati e considerati dei veri e propri colpi di scena nel mercato estivo di quest’anno. Dal Pro14 arrivano Andrea De Marchi, dalle Zebre per la precisione, e l’ex azzurro Francesco Minto direttamente dal Benetton Treviso.
Anche se non sono giocatori giovanissimi sono di grande esperienza e si sono detti ben disposti a metterla a disposizione per aiutare ad affermare Firenze come punto di riferimento del rugby italiano.

Pasquale Presutti riuscirà nell’impresa? Vedremo i colori dei Medicei in cima alla classifica del neo Top12? Solo il tempo potrà dircelo ma la squadra fiorentina sembra avere tutte le carte in regola per riuscirci.
Potremo farci una idea nelle amichevoli di agosto, la prima il 10 contro le Fiamme Oro in casa, sempre presso lo stadio Lodigiani.

(Visited 91 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.