Il Ringraziamento è una tipica ricorrenza statunitense che viene festeggiata il quarto giovedì del mese. Questa festività ha origini Cristiane, e simboleggia la gratitudine verso il Signore, per i successi collezionati durante l’anno, in antichità si ringraziava per i frutti che la terra aveva donato nel corso dell’anno.

Un po’ di storia: le origini

Oggi è ancora una festa molto sentita in America, Thanksgiving Day”benché abbia radici molto antiche, verso  il XVII secolo, ad opera dei Padri Pellegrini, nel Massachusetts, dove nacque l’usanza di rendere grazie a Dio per le sue benedizioni, nel 1863 Abramo Lincoln, rese celebre tale ricorrenza, fino a quando nel 1941 il Congresso, con Roosevelt a capo, approvò la ricorrenza e la rese istituzionale. Come in ogni cosa, c’ è sempre il rovescio della medaglia. Questa ricorrenza non è apprezzata, per dirla con un eufemismo, dai nativi americani, poiché si ricorda in tale data, quella che fu la storia, ovvero la morte dei loro antenati ad opera dei colonizzatori.

Usanze

Di norma, l’usanza vuole che la festa si celebri a casa con la propria famiglia, e per l’occasione venga cucinato il tacchino. Chi di noi, infatti, non ha visto almeno un film nel quale venga rappresentato la tipica tavolata americana con al centro il grande pennuto arrosto. Ovviamente tale usanza, ha destato negli anni, molte polemiche, specialmente dagli animalisti. Perciò come simbolo di progresso ogni Presidente degli USA, da Regan in poi, mette in atto, la cerimonia della grazia, salvando due tacchini, dal menù della Casa Bianca. Mi chiedo a cosa serva tale usanza, visto che in quel giorno, sicuramente mangeranno un altro tipo di carne, perciò a mio avviso è una cerimonia piuttosto ipocrita, che lascia il tempo che trova.

Tutto sommato, trovo che sia una bella ricorrenza il Ringraziamento, specie se la osserviamo come la tradizione vorrebbe, ovvero riconoscendo e ringraziando Dio, per ciò che abbiamo e che molto spesso, purtroppo, diamo per scontato.

 

Buona festa!

www.elisasergi.it

(Visited 9 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

ARTICOLO PRECEDENTE

Per chi suona la campana