Gaetano decide partire in autostop dalla sua città, Napoli, verso nord. Si ferma a Firenze. E a Firenze trova una città e un amore complessi da conquistare e poi da gestire. Gaetano, o più precisamente Massimo Troisi, nel film “Ricomincio da tre”, l’amore lo trova in piazza S. Giovanni. Quando rivede la donna che gli piace, casualmente sul marciapiede all’altezza del bar Scudieri, che cammina verso via dè Pecori, istintivamente per timidezza si volta dall’altra parte, poi si rende conto che non può perdere un’occasione così ghiotta e, dato che rincorrerla a quel punto equivarrebbe a rivelarle il proprio interesse (se non già qualcosa di più) in modo fin troppo evidente, escogita un piano per un incontro casuale. Comincia a correre nell’altro senso, verso via Cerretani, corre in via Cerretani, svolta in piazza dell’Olio, corre in piazza dell’Olio, imbocca via de’ Pecori, corre in via de’ Pecori in direzione piazza S.Giovanni e proprio all’incrocio tra via de’ Pecori e piazza S.Giovanni ritrova lei. Ce l’ha fatta! È talmente stanco che a stento riesce a dire il proprio nome che da Gaetano diventa aaetano. Tutto questo passa in secondo piano perché il piano è riuscito; il prossimo incontro con lei non sarà casuale.
Massimo-Gaetano mentre parla con lei (si chiama Marta ed è interpretata dall’attrice Fiorenza Marchegiani) è appoggiato su una postazione in metallo delle affissioni pubbliche. Si vedono distintamente i manifesti e sullo sfondo, oltre le auto che giravano liberamente, anche il Battistero, il Campanile di Giotto e la facciata del Duomo. Era il 1981 quando Massimo Troisi girò e interpretò questa scena. Da allora quel quadrilatero è cambiato radicalmente. La corsa di Massimo non poteva che svolgersi sui marciapiedi. Ora è tutto pedonale. Oggi in via Cerretani al posto del cinema Excelsior c’è una libreria che ha anche avuto il tempo di cambiare nome almeno tre volte. In piazza dell’Olio non c’è più il capolinea del 22. In via de’ Pecori i cassonetti sono interrati. Le edicole non vendono giornali, ma souvenir. Nel giorno delle riprese di “Ricomincio da tre”, i manifesti affissi erano di un corso di rock and roll e di un concerto di Meg e Colapesce alla FLOG. Oggi 23 maggio ci sono due manifesti su dei canti gregoriani nel cenacolo di S. Croce (appuntamento alle ore 21.00 di sabato 28 maggio). I tempi cambiano e i manifesti, pure. Ma soprattutto oggi Massimo non corre più. Oggi, caro Massimo, non ci resta che rimpiangerti!

 

(Visited 218 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua

Giovanni Grossi

Ho cinquantanni e per il mio lavoro ho la fortuna di girare per Firenze in bicicletta e quando scendo dalla bici vado a piedi e quando sono stanco salgo sull’autobus. Il mio primo amore è la scrittura ed il mio primo amore dura tuttora. Sono tra i fondatori dell’associazione Tandem di pace e sono nella giuria del premio letterario fogli di viaggio dedicato alla figura di Tiziano Terzani. Adoro i miei figli e mangiare un panino con l’hamburger la domenica sotto la curva Fiesole. Dimenticavo….il mio primo odio è la juve ed anche questo dura tuttora.

ARTICOLO PRECEDENTE

Viaggi di nozze