Giornata di recupero in attesa dell’ultimo turno prima delle semifinali del Pro14. Recupero di quelle partite annullate, caso molto raro nell’ambiente del rugby, a causa delle pessime condizioni meteorologiche che hanno colpito l’Europa qualche tempo fa. Padova era stretta in una morsa di ghiaccio e venne giustamente deciso di posticipare la partita a tutela dei giocatori e spettatori. Saggia decisione.

Sabato scorso, in quel del Lanfranchi, è stata tenuta la partita Zebre – Ospreys dove la franchigia federale vede, finalmente, infrangere il tetto massimo di vittorie dalla sua presenza nel torneo, considerando la Celtic League. Infatti con una incredibile carica impone il proprio gioco sui gallesi che arrivavano da un torneo tutt’altro che esaltante. Bella vittoria, tante le mete e la soddisfazione di arrivare all’ultimo impegno del Pro14 2018, con il terzo e ultimo derby d’Italia contro il Benetton, forti di una vittoria per 37-14.
Inutile stare a ripetere le solite considerazioni sul continuo miglioramento del rugby italiano, ci limitiamo a dire che alcuni miglioramenti finalmente si vedono.

Festa guastata però dall’altra partita di sabato scorso dove l’Ulster ha sconfitto i Glasgow Warriors. Vittoria irlandese che rende praticamente impossibille l’accesso al Benetton Treviso alle semifinali visto che ancora un punto divide le due squadre.
Nell’ultimo turno il Treviso deve assolutamente vincere il derby contro una squadra galvanizzata di recente da una bellissima vittoria e con una schiacciante differenza di punti! Inoltre c’è da spereare che l’Ulster perda il difficile scontro che lo aspetta fuori casa contro il Munster per incassare il sorpasso in classifica
Insomma, situazione difficile ma non impossibile, incrociamo le dita e tifiamo bianco verde!

Materiale fotografico da ufficio stampa Zebre Rugby Club

(Visited 73 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.