L’edizione 2017 del Torneo delle Sei Nazioni è stata vinta, con una partita in anticipo, dall’inarrestabile Inghilterra.
Squadra che sta dimostrando di essere degna di arrivare al primo posto nel ranking mondiale. Eguagliato il record di vittorie consecutive, diciotto, detenuto dagli All Blacks, gli inglesi travolgono un’ottima Scozia vincendo per 61-21. Conquistati quindi la Calcutta Cup (per lo scontro diretto contro, appunto, la Scozia) e il trofeo delle Sei Nazioni.
Se l’Inghilterra dovesse vincere anche la prossima partita contro l’Irlanda, che promette di essere una vera battaglia, rischia di fare incetta di premi. Infatti, sconfiggendo i verde-smeraldo, la formazione di Jones, non solo riuscirebbe a centrare il secondo “Grand Slam” consecutivo, ma otterrebbe anche il trofeo “Triple Crown”, cioè il premio riservato al team capace di vincere contro tutte le altre nazionali anglosassoni.

A dir poco meraviglioso, poi, lo scontro tra Galles e Irlanda giocato venerdì 10 marzo. Partita particolarmente fisica e dai ritmi frenetici vinta dai gallesi per 22-9.
In sostanza, considerata la vittoria della Francia contro l’Italia, questa è la situazione: Inghilterra in testa con il titolo già in mano, secondo posto condiviso da Irlanda e Francia. Seguono Galles e Scozia, terze a pari merito mentre resta ultima la nostra nazionale. Poco, insomma, cambierà con la prossima e ultima giornata del torneo, sabato 18 marzo.

Materiale fotografico da www.rbs6nations.com

(Visited 103 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.