Il torneo delle Sei Nazioni 2018 sta volgendo alla fine e, contro ogni aspettativa, nella penultima giornata i giochi sono andati contro il volere dei super favoriti, l’Inghilterra. Prima di tutto l’aver perso in casa, a Twittenham, contro la Francia di Berbizier il che già infrange il sogno del terzo Grande Slam consecutivo, a seguire la vittoria della Irlanda contro la Scozia.
Carta alla mano la vittoria del torneo va ai verde smeraldo che adesso si vedono la possibilità, la prossima settimana, di vincere tutte le partite del torneo, fuori casa contro appunto l’Inghilterra e per giunta il giorno di San Patrizio!
Si preannuncia una grandiosa festa per gli irlandesi!

Italdonne festeggia!

Mentre già si festeggia la fine del diciannovesimo torneo delle Sei Nazioni, c’è chi ancora cerca di portare a casa qualche risultato. Stiamo parlando, purtroppo della nostra nazionale. Mentre va data una menzione di onore sia alla squadra femminile che all’Under 20 che sono riuscite, per la prima volta nella loro storia, a sconfiggere i pari categoria gallesi, la “nazionale senior” ha disatteso quell’alone di aspettativa che si era creato.

Nonostante una certa reazione dopo le iniziali due mete avversarie, con la meravigliosa meta di Minozzi, i ragazzi di O’Shea tengono possesso del campo per quasi tutta la partita non riuscendo però a concretizzare punteggio. Buon gioco ma troppe le occasioni di segnare punti sprecate..
Per assurdo gli Azzurri chiudono il primo tempo in vantaggio numerico per dei cartellini gialli dati ai gallesi e continuano a non concludere, anzi subiscono il gioco avversario! Punteggio finale 38-14, una seconda meta italiana nel secondo tempo non risolve la situazione.
Deludente. Solo così può essere definita la nazionale Azzurra. Nonostante un continuo miglioramento nelle prestazioni dei singoli, continua a mancare un gioco di insieme con risultati tutt’altro che adeguati al livello richiesto per il cosiddetto Tier 1.
Conor O’Shea continua a spiazzare tutti, continuando a vedere i lati positivi della prestazione azzurra e sottolineando quelli negativi. Ci resta solo da vedere a cosa porterà il suo lavoro, intanto prepariamoci al prossimo scontro, settimana prossima, contro la Scozia.

Materiale fotografico da ufficio stampa Federazione Italiana Rugby

(Visited 43 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.

PROSSIMO ARTICOLO

Un tardo risveglio