A smentire tutti i malumori che i tutti i tifosi possono avere contro la nazionale italiana arriva la prestazione fatta contro le Fiji.
Giocata ad un orario, a causa del fuso orario, impossibile per qualsiasi collegamento televisivo la partita giocata a Suva vede una nazionale Italiana reagire alla pessima prova della scorsa settimana contro la Scozia, determinata e particolarmente attenta alla disciplina. Considerato che al momento sta giocando una squadra molto giovane, con pochissima esperienza negli incontri internazionali, con alcuni dei giocatori cardine mancanti come Parisse e Ghilardini, forse le dichiarazioni dell’allenatore Conor O’Shea riguardo alla sua soddisfazione per la loro prestazione  non sono del tutto errate.

Infatti il campo viene praticamente dominato dagli Azzurri per tutta la durata della partita, soprattutto su livello fisico nelle mischie ordinate. La precisione di Allan permette ai nostri di arginare la prima differenza di punteggio, visto che le linee Fijiane segnano meta per ben due volte.
Dopo la terza meta degli ospiti di casa arriva quella italiana segnata con moule avanzante da Maxime Mbandàseguta poi da un calcio piazzato sempre di Allan che porta la nazionale italiana al pareggio.
Purtroppo un pasticcio in mischia nelle 22 avversarie da parte degli Azzurri, allo scadere del tempo, permette a Volavola di calciare un piazzato che li salva dalla prima sconfitta in casa con l’Italia. Peccato. Risultato finale 22-19.

Conor O’Shea, una volta, aveva definito l’Italia come su delle montagne russe. Finché non viene creata una squadra forte e con basi molto solide, questa avrà sempre periodi di splendore seguiti da altri di prove pessime, per tornare poi a splendere. Forse stiamo vedendo una nuova ascesa, oppure qualche piccolo frutto del lavoro dell’allenatore irlandese si sta già vedendo spuntare.
Comunque sia l’Italia concluderà il suo tour estivo tra una settimana a Brisbane, contro la fortissima Australia

Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, musicista da tempo immemore, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.