Ci hanno fatto soffrire, andando a sfiorare l’ultima posizione e iniziare a temere per una possibile retrocessione che avrebbe creato anche un certo imbarazzo con i ragazzi della squadra cadetta che in Serie A stanno facendo Bene. Invece sembra che la crisi sia adesso passata, dopo una bellissima vittoria contro il Lazio 1927, i ragazzi di Presutti e Basson vanno ad affrontare i pari punteggio in classifica: Il Viadana.

Partita giocata fuori casa, nell’anticipo del sabato, in orario serale e con clima non propriamente favorevole, un vero e proprio scontro ad armi pari che ha visto le due squadre alternarsi nel punteggio fino allo scadere degli 80 minuti che hanno visto la meta di Boccardo, magistralmente trasformata da Newton, donare la vittoria ai fiorentini con un guadagnato 14-19 come punteggio finale.

Tanto sacrificio e dimostrazione di una evoluzione del gruppo Medicei, nonostante continui a esserci un certo nervosismo che è costato ben due  pericolosissimi cartellini gialli però magistralmente gestiti, con la conseguente grossa soddisfazione di tutta la squadra di essere riusciti ad arrivare alla settima posizione con 19 punti. Risultato non scontato visto come era iniziato il campionato e va comunque tenuto in considerazione il grosso aiuto, in questo balzo in avanti nella classifica, arrivato dal Mogliano che ha sconfitto il San Donà permettendo alla squadra fiorentina di scalarebendue posizioni.

Pasquale Presutti, intervistato in merito, resta con i piedi a terra. Ancora parla di salvezza dalla retrocessione che deve essere consolidata ma anche di altre grosse soddisfazioni che, a suo parere, non tarderanno ad arrivare. Infatti ai Medicei aspettano duee di partite da giocare in casa tra le mura amiche del Lodigiani con tutto il supporto dei loro fan.
L’8 febbraio contro il Mogliano e il 15 contro il Petrarca per tornare poi in trasferta il 1 marzo contro il Calvisano. Appuntamenti non facili ma la sorpresa potrebbe essere dietro l’angolo.

(Visited 104 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.