Nonostante la sconfitta nel Trofeo Eccellenza contro le fortissime Fiamme Oro, sconfitta che aveva fatto tremare i polsi a molti tifosi che seriamente hanno temuto un crollo di nervi della squadra fiorentina, i Medicei dimostrano di essere una squadra in crescita verticale.
Seconda vittoria consecutiva in campionato, contro il Mogliano, conquistata domenica scorsa. Dopo la prova in casa contro il Lazio 1927 che già faceva intravedere un certo miglioramento, i ragazzi di Presutti si tolgono di dosso la batosta subita dalle Fiamme Oro e si gettano a testa bassa nella trasferta successiva.

Il mal di trasferta diagnosticato dal sagace allenatore dei Medicei sembra essere passato. I fiorentini hanno giocato una partita praticamente perfetta dove il gioco orchestrato da Basson (nominato poi Man of the Match) ha dato ottimi frutti. Sia per l’alta percentuale al piede dello stesso Basson che di Newton, sia per il basso numero, finalmente, di falli commessi e la conseguente continuità del gioco fiorentino.
Poco da dire poi sulle touche, che hanno funzionato perfettamente. Insomma la macchina Medicei sembra aver finito il rodaggio, stiamo iniziando a vedere un gioco bellissimo.

Quattro le mete segnate dai fiorentini al Mogliano per un punteggio finale di 49-10. Il punto bonus offensivo porta i Medicei a 10 punti in classifica, consolidando la sesta posizione, anche se a pari merito, anche se con una certa differenza di punti segnati, con le solite Fiamme Oro.
Ma non è il momento di stare sugli allori. Altre sfide aspettano i nostri, la prossima sarà domenica prossima, nel campo fiorentino Lodigiani dove verrà ospitato il Reggio Rugby. Ultimo in classifica e recentemente sconfitto dai nostri vicini di classifica, il Reggio viene considerata una di quelle squadre largamente alla portata dei Medicei, la partita in casa può poi galvanizzare gli animi dei nostri. Ma nel rugby gli avversari non vanno mai sottovalutati. E nel campionato di Eccellenza ancora meno.

Materiale fotografico di Alfio Guarise

(Visited 146 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.