La partita giocata tra Lazio 1927 e i Medicei valida per l’ultima giornata a gironi della Coppa Italia non avrebbe comunque aggiunto niente a quanto già era stato definito sul campo. Il pareggio del turno precedente dei Medicei contro il Viadana, nonostante una prova magistrale dei fiorentini, ha tolto ai Medicei ogni possibilità di accesso alla finale del torneo mentre per il Lazio 1927, ultimo classificato del girone, il risultato sarebbe stato ancora più ininfluente.
E’ facile immaginarsi l’attitudine di tutti gli atleti in campo considerando poi che la partita è stata utilizzata più per testare nuovi schemi o abbinamenti di giocatori in campo che per il match stesso. Il risultato è stato una partita quasi noiosa dopo l’iniziale assalto Mediceo che quasi faceva sperare in un punteggio pieno lasciando l’avversario a zero cosa che, va detto, aiutata anche dalla incapacità laziale di concretizzare le proprie azioni.

Un secondo tempo un pò più vivace grazie alla reazione dei padroni di casa che continuano però a commettere errori e regalare vantaggi ai Medicei che mostrano un evidente calo fisico. La partita va ai fiorentini per 12-24, grazie anche alla doppietta di Mattoccia. . Va però segnalato un costante e continuo miglioramento nel gioco dei bianco rosso argento nonostante l’assenza, vista la tipologia di partita, di qualche nome noto come Newton e Esteki messi a riposo per loccasione. Infatti poco ci sentiamo di recriminare ai Medicei in queste prove di coppa, dove hanno dimostrato di poter giocare alla pari con squadre di alto livello e farci quasi sperare in qualche risultato in più visto il loro piazzamento finale in seconda posizione nel giorne dovuto anche alla vittoria, del Valorugby sul Viadana

Si conclude così la Coppa Italia per i Medicei, la finale verrà disputata tra Valsugana e Valorugby, che già guardano al prossimo appuntamento in Top12 che sarà particolarmente impegnativo visto che inizano le partite di ritorno contro le prime classificate del campionato.

Materiale fotografico di Donatella Bernini

(Visited 29 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.