Fino al 1 ottobre, in piazza Santissima Annunziata, è stato possibile visitare il mercato europeo. Iniziativa più o meno periodica che ha avuto fortune altalenanti e sempre nuove posizioni.
Piazzata, quest’anno, in una piazza più che centrale con l’evidente fine di dare nuova vita ad una area che è stata per molto tempo sfigurata per i lavori del nuovo Museo degli Innocenti, l’edizione 2017 del Mercato Europeo non ha fatto gridare al miracolo.

Confuso il fine del mercato in quanto sono molti gli stand presenti anche se non tutti di streetfood, sono presenti anche alcune bancherelle che vendevano vestiario e oggettistica varia, da svariati paesi, anche il Messico! L’offerta culinaria però era tutt’altro che allettante. La scelta cade, per forza di cose, su prodotti già conosciuti o quantomeno comuni nella cultura italiana.

Tolto un interessantissimo stand che offriva la raclette francese e uno che vantava di avere il miglior fritto di pesce genovese, l’interesse va sui due venditori di panini siciliani. Immancabile l’assaggio del tanto rinomato panino con la meusa e della stigghiola!
Entrambe specialità sicilane, entrambi panini con interiora di agnello o vitello. Il panino con la meusa, o milza, ha una preparazione che molto ricorda, scusatemi il paragone, il nostro lampredotto, la milza viene bollita, tagliata a fette e servita nel panino. La differenza sta nel fatto che viene servita con abbondante limone e scaglie di formaggio.
Leggermente diverso il panino con la stiggiola, lo spiedino di interiora è stato cotto con cipolla, tagliato a pezzi e così servito.
Entrambi i panini sono risultati essere deliziosi, anche se non so se la preparazione segue la tradizione siciliana.

Pecca della organizzazione, oltre ai pochi posti dove sedersi per mangiare, sono i prezzi particolarmente alti, soprattutto per le bevute. Poco male visto che solo un panino con la meusa può saziare un appetito vorace!

Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, musicista da tempo immemore, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.

ARTICOLO PRECEDENTE

Bardiccio, che passione!