16122014

“Amore secondo me ci prende in giro, a me non sembra vero questo Babbo Natale”
“Ma dai, cosa te lo fa pensare?”

Anche qui in Messico ci sono i Babbo Natale in giro, ci sono enormi renne illuminate, alberi di Natale, palline, stelle e luci ovunque.
E anche qui, ad un certo punto, i bimbi smettono di crederci, parola di Alejandro, 9 anni.
Poi ha aggiunto che crede di più all’arrivo de “los reyes”, i re Magi, e a loro chiederà il LEGO in regalo.
Ed io ho sorriso felice. In quel momento di anni ne avevo 6 o 7 più o meno.
Se il Natale appare tanto magico, è perché siamo stati bambini e ricordiamo quanto fosse bello svegliarsi il 25 per andare all’albero e rimanere di stucco e saltare e gridare per tutta la casa come piccoli pazzi.
Non è forse così?
Io (che ve lo dico a fare?) ho chiesto e avuto dai miei Babbo Natale, tanto LEGO che continuo ad amare come un piccolo pazzo e parlare con Alejandro mi ha riportato con la mente ai tanti 25 dicembre iniziati con lo svegliarsi piano, andare in punta di piedi a tentennare il letto di mio fratello per svegliare anche lui, poi si andava a tentennare mia sorella, poi tutti e 3, piccoli birbanti, in punta di piedi, piano piano piano, si scendeva le scale, illuminate ad intermittenza dalle lampadine dell’albero e… putiferio.
Immagino i miei genitori che ci spiavano dall’alto delle scale, mentre noi 3, piccoli furfantelli a intermittenza, pensavamo di essere invisibili, o quasi.
Ecco perché il mio LEGO è tanto prezioso, perché custodisce qualcosa che solo io e i miei fratelli invisibili come me conosciamo.

(Visited 77 time, 3 visit today)
Share

Dicci la tua

Sergio Lipari

Fiorentino, laureato in Industrial Design presso la Facoltà di Architettura di Firenze, non amo definirmi, forse perché non so come definirmi.
Sono viaggiatore e lettore, mi occupo di design, grafica e fotografia.
Ho due grandi passioni che mi accompagnano fin da piccolo e proprio non riesco a farne a meno: la chitarra e il LEGO.
Con quest’ultimo, mi diverto a interpretare e raccontare la realtà che mi circonda, in un esercizio che sta a metà strada fra il ludico e il serio.
Ho vissuto a Barcellona e mi reco spesso in Messico, dove ho lavorato e soggiornato per lunghi periodi. Amo Frida, Diego e il mezcal, che in una calda, stellata notte messicana mi ha regalato la sbronza che mai scorderò in vita mia.

www.50019id.com

TESTTTTTTTTT

ME&TE | Divini

TESTTTTTTTTTT

ME&TE | Buon Natale