Firenze continua ad arricchire la propria proposta di attrazioni e luoghi da visitare. Fuori dal solito circuito turistico abbiamo una nuova realtà che va a rinforzare il già validissimo museo di San Marco. Dopo ben tre anni di lavori, con piazza Piazza Santissima Annunziata ingombrata di impalcature ed un enorme scivolo di entrata, abbiamo avuto finalmente, lo scorso 24 giugno, l’inaugurazione del nuovo Museo degli Innocenti.

Forti di alcuni sponsor  si sono permessi lavori in grande stile con addirittura unione dei vari piani del complesso con collegamenti verticali, due nuove entrate verso la piazza, vari laboratori, book shop, spazi espositivi e chi più ne ha ne metta.

Ben utilizzati poi i vari ambienti con esposizioni riguardanti sia la storia dell’Istituto che le varie opere d’arte che esso ospita. Non una enorme collezione, però pregevole.
Possiamo trovare, oltre ai soliti Della Robbia (i putti sulla facciata sono stati oggetto di restauro come gran parte di tutta la struttura), troveremo Sandro Botticelli, Ghirlandaio e tanti altri per un totale di ottanta opere.
verone4A chiudere in bellezza la visita abbiamo, sulla terrazza quattrocentesca, una caffetteria letteraria: il Caffè del Verone. Aperto anche a chi non visita il museo, si tratta di una struttura di moderna concezione con possibilità di colazioni, piccoli spuntini e merende.
Considerata la vista sulla Cupola del Brunelleschi, la posizione e il fatto che è già stato recensito dal Gambero Rosso, mi sa che i prezzi non saranno proprio dei più accessibili.

Sempre riguardo i prezzi il nuovo Museo degli Innocenti prevede varie forme di abbonamenti e pacchetti per visite interattive a cifre non eccessive che lo rendono particolarmente indicato a scolaresche e gruppi di turisti. Il che non deve scoraggiare chi autonomamente vuole visitarlo, anzi!

 

(Visited 76 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.