bandiera-greca

Nei giorni scorsi la Grecia è apparsa nuovamente sui quotidiani nostrani, non per le note vicende economiche che oramai abbiamo imparato a conoscere, ma per vicende di tutt’altro spessore. Infatti nel giro di pochi giorni, il paese ellenico ha fatto dei passi in avanti dal punto di vista sia sociale che culturale riconoscendo prima lo Stato palestinese e poi l’esistenza delle coppie omosessuali.

Il Parlamento greco ha votato all’unanimità una risoluzione non vincolante volta al riconoscimento dello Stato di Palestina, la votazione è avvenuta alla presenza del presidente palestinese Abu Mazen che ha definito tale giorno storico. Tuttavia, il riconoscimento rimane al momento solo un atto formale in quanto la Grecia è ferma sostenitrice della formula dei due stati indipendenti, ovvero Israele e lo Stato palestinese.

Per l’estensione dei diritti civili alle coppie dello stesso sesso, i parlamentari ellenici hanno votato a favore in 193 su 300. Tra i voti contrari vanno registrati quelli del Partito comunista, di Alba dorata, ma anche della formazione politica nazionalista Anel, che è attualmente alla guida del governo insieme a Tsipras. Una forza contraria a tale riconoscimento, ma che ha avuto sicuramente un forte impatto sull’opinione pubblica e anche sui parlamentari, è statala la Chiesa ortodossa greca.

Tuttavia, occorre ricordare come la legge appena varata non prevede né il matrimonio né l’adozione da parte delle coppie omosessuali, né tanto meno alcun diritto in ambito fiscale, pensionistico o medico, pertanto la legge in diversi ambiti non garantisce gli stessi diritti delle coppie eterosessuali.

La Grecia, che due anni fa era stata condannata dal tribunale europeo dei diritti umani per discriminazione, adempie oggi ad un obbligo legislativo, ma anche morale che la porta a fare un balzo in avanti in materia di diritti civili.

 

(Visited 611 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Giacomo Bertini

Classe ’90, dopo una fallimentare carriera calcistica ho deciso di emigrare a Bruxelles per continuare i miei studi universitari, sognando una futuro internazionale. Infatti sto frequentando un Master in Relazioni Internazionali, dopo aver conseguito una Laurea triennale in Scienze Politiche. Mi piace leggere, sia giornali che libri, per mantenermi aggiornato sotto qualsiasi aspetto. Pari alla mia passione per il calcio, c’è solo quella per il giornalismo e la politica. Non sono un grande oratore, però mi piace ascoltare e osservare il mondo che mi circonda ed esprimere con la scrittura i miei pensieri. Ed ora li condividerò con voi.
http://bertinigiacomo.blogspot.it/