Arriva la primavera, con accenni di estate e colpi di coda dell’appena passato inverno, e bene o male tutti i tornei volgono al termine. Finita la prima esperienza italiana in Pro14, con dei risultati tutto sommato incoraggianti, l’Eccellenza procede verso la finale che verrà giocata tra Petrarca e Calvisano annullando la speranza di vedere qualche nome nuovo tra le grandi visto il flop nei play off delle Fiamme Oro.

Finiscono anche i cosiddetti tornei minori dove con un mal celato orgoglio vediamo le squadre cadette dei Medicei, anche con il vecchio nome Firenze 1931, salire di categoria. Sia dalla serie B che C i ragazzi in bianco rosso si sono fatti valere. In altre parole avremo nuovamente, l’anno prossimo, una squadra fiorentina sia in serie A che C1 Elite. Molti hanno storto il naso con l’annullamento dei play off a causa della rinuncia del Treviso (l’accademia della franchigia di Pro14) ma vista l’annata particolare c’era da aspettarsi questo e altro.

In attesa del prossimo campionato, che si prospetterà particolarmente intenso, soprattutto per le squadre fiorentine, abbiamo altro rugby da guardare e, soprattutto, di cui parlare?
In abbondanza.
Tolti i soliti ultra blasonati tornei come il Super Rugby o il nuovo tentativo degli Stati Uniti di creare una loro lega con il cinematografico nome “Major League” abbassiamo i toni e veniamo in patria a supportare i nostri colori. La cosiddetta “Nazionale Emergenti”, ovvero le seconde scelte degli Azzurri in attesa di essere selezionati per la prima squadra, si sta preparando alla partenza per l‘annuale appuntamento con la Nations Cup. E che dire dell’imminente World Rugby Under 20 Championship? L’anno scorso gli azzurrini hanno ottenuto risultati di tutto rispetto. Insomma gli italiani saranno a breve ben impegnati a portare alti i loro colori. E noi a supportarli.

(Visited 48 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.