Anche se in questo periodo tutti i riflettori sono puntati sul Sei Nazioni e sui risultati, deludenti o no, delle rispettive nazioniali, il Pro 14 continua imperterrito il proprio cammino e due sfide particolarmente difficili sono state affrontate dalle nostre franchigie.
Da tenere in considerazione che tutte  le squadre schierate in campo sono decimate nel numero, viste le assenze per infoltire le linee delle nazionali maggiori. Nel caso italiano Conor O’Shea ha restituito sia alle Zebre che al Benetton Treviso alcune pedine molto importanti. Scelta giusta? I risultati parlano da soli.

I Leoni di Treviso, dopo un mese di assenza, torna finalmente a giocare in casa e gli ospiti dell’occasione sono i campioni in carica, gli Scarlets. Incredibilmente i bianco verdi, contro ogni aspettativa, comandano il gioco per tutti gli 80 minuti arrivando al primo tempo in vantaggio di 17-0 e chiudendo la partita per 22-12. Tripletta di Ioane ma una scarsa precisione al piede ha ridotto il vantaggio acquisibile. Comunque una vittoria con punto bonus che porta i Leoni a raggiungere il quarto posto in classifica.

Biagi in touche

Altro risultato per le Zebre Rugby Club che non riescono ad interrompere la serie negativa. Nonostante i rinforzi dalla nazionale e la tanta determinazione, i bianco nero faticano pesantemente ad imporsi contro la franchigia sud-ovest irlandese, il Munster. Solo una meta di Palazzani contro le ben cinque segnate dagli avversari, anche se concentrate nel primo tempo. 33-5 il risultato finale che fa guardare al prossimo impegno, contro il Connacht, con una certa preoccupazione.

Materiale fotografico da comunicati stampa Benetton Treviso e Zebre Rugby Club

 

(Visited 50 time, 3 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.