Moda e genitorialità mal si conciliano e non perché fare (o non fare) figli possa essere considerato di moda. Chi ama la moda trova nel vestire l’espressione di un proprio modo di essere, del proprio stile, ma cosa c’entra questo con la genitorialità?

Teoricamente nulla, ma in pratica lo stretto legame si manifesta nel momento in cui un fashion addicted (o due, nel caso in cui la passione per la moda sia condivisa dalla coppia) si riproduce.

L’indescrivibile groviglio di emozioni che si prova alla nascita di un erede si scontra con la cruda realtà alle prime poppate.

Il fashion addicted realizza ben presto che indossare qualcosa a cui tiene particolarmente, in presenza dell’infante, è un grave errore.

Per mesi (anzi, anni) i mini killer sono in grado di macchiare indelebilmente, con una vasta gamma di fluidi più o meno sgradevoli, i capi più pregiati.

Esiste uno studio di qualche autorevole università americana che dimostra che se si tiene in braccio un neonato indossando una tuta vecchia e logora, il rischio-macchia è nell’ordine dello zero virgola.

Se nella stessa stanza entra un individuo che indossa capi pregiati, il neonato ha una probabilità di rigurgito “a geyser”, con una gittata da far invidia alla giovane Regan di «L’esorcista», direttamente proporzionale al costo dei medesimi. Se si indossa un capo di vicuña, è certo che la gittata riesca a raggiungere l’obiettivo anche superando porte antincendio chiuse.

Caratteristica scientificamente dimostrata, ma mai spiegata, è la capacità di penetrazione della macchia da rigurgito, che riesce a creare danni irreparabili fino al secondo/terzo strato di indumenti.

Per discrezione è meglio astenersi dal commentare i danni causati all’abbigliamento da altri fluidi, di cui il neonato è infaticabile produttore.

Share

Dicci la tua

Francesco Reale

Mi piace definirmi lombardo di origine, fiorentino di adozione. In realtà Firenze se ne è ben guardata dall’adottarmi. Non si è neppure sbilanciata su un affido. In sintesi, quindi, sono un apolide, con un accento da autogrill, che vive a Firenze da circa un quarto di secolo. Delle numerose passioni che coltivo, quella per la musica è il filo conduttore dei miei primi interventi su tuttafirenze, ma il mio ego ipertrofico e la mia proverbiale immodestia mi spingono ad esprimermi su qualunque argomento, con la certezza di riuscire a raggiungere vette non comuni di banalità e pressapochismo. I miei contributi hanno uno scopo ben preciso: rincuorare le altre firme, dando loro la consapevolezza che c’è sempre chi fa peggio.

ARTICOLO PRECEDENTE

437.000 euro al litro