Dopo la parentesi della Challenge Cup, con il Benetton Treviso che si è visto svanire l’accesso ai play off (e non semifinale come avevo scritto precedentemente, ringrazio chi me lo ha fatto notare NDA) non riuscendo a piazzarsi come migliore seconda e l’entrata di una squadra di Top12 dalla finale della Continental Shield, torniamo finalmente a parlare di Pro14

Ultima giornata prima della pausa per il 6 Nazioni e il Benetton Treviso ha incrociato i guanti contro l’Ulster in quel di Belfast. Nonostante l’inizio gara con i Leoni sotto pressione la partita è stata giocata alla pari con un continuo rincorrersi nel punteggio con addirittura il Treviso in vantaggio per 10-5 allo scadere del primo tempo.
La battaglia continua nella seconda metà della partita, senza esclusione di colpi. Il Treviso guadagna il vantaggio fino all’ultimo minuto ma allo scadere del tempo un in avanti da palla agli irlandesi. L’evidente inferiorità in mischia ordinata italiana regala una meta tecnica ai padroni di casa. Decisione dell’arbitro Nigel Owens forse da contestare ma tant’è.
I Leoni tornano a casa con un pareggio per 17-17 e l’onore delle armi per aver giocato una grande partita.

Cheetahs – Zebre

Succeso che invece manca da tempo alle Zebre, sconfitte anche stavolta dai Cheetahs. Sconfitta pesante per 61-21 contro una delle squadre più promettenti del Pro14. Undicesima sconfitta subita quest’anno dalla franchigia federale che inizia ad averne il morale fiaccato. Eppure le abilità singolari e il gioco ci sono, forse è un problema di attitudine in campo. Ma queste sono considerazioni che lasciamo ai tecnici delle squadre.

Si ferma perciò temporaneamente il Pro14 con il Treviso in seconda posizione della conference B, grazie anche ai Southern Kings che hanno sconfitto l’Edinburgh, e le Zebre, purtroppo, ultime in Conference A.
Diamo adesso spazio al più antico torneo del mondo, esistente dal 1883 nella sua prima formula l’Home Championship, il 6 Nazioni!

Materiale fotografico da ufficio stampa Benetton Rugby e Zebre rugby club

(Visited 32 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.