“Finalmente il carro arrivò: e arrivò senza fare il più piccolo rumore, perché le sue ruote erano fasciate di stoppa e di cenci.
Lo tiravano dodici pariglie di ciuchini” così Collodi descrive l’incontro di Pinocchio con il carro, che lo porterà nel Paese dei Balocchi.

Da Scandicci il mio carro per il paese dei balocchi, sferragliando e non proprio silenziosamente, sarà la tramvia; sì, perché “da sabato 7 a lunedì 9 marzo 2015, Pitti Immagine presenta la decima edizione di TASTE, il salone dedicato alle eccellenze del gusto, dell’Italian lifestyle e del design della tavola”, trasformando così la Leopolda nel paese della cuccagna, per noi cultori del buon cibo.

Un primo importante momento per scoprire o riscoprire sapori, sensazioni e prodotti del nostro territorio e non solo, in attesa dell’evento cult del 2015, che dovrebbe essere EXPO2015, intitolato “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, il cibo in tutte le sue declinazioni, tra opulenza e povertà.

TASTE, ormai giunto alla sua decima edizione, è diventato un appuntamento fisso per i neofiti e gli appassionati, affermandosi anche come momento di confronto sulle tematiche enogastronomiche, dando spazio alle nuove tendenze di pensiero della cucina, tra tradizione e innovazione. Restituendo così voce ai tanti modi di esprimersi e di sperimentare il gusto.

A parte i paroloni vi assicuro che per me è veramente il paese dei balocchi, dove posso vedere, assaggiare, sorseggiare, confrontarmi e discutere con produttori e venditori, o semplicemente visitatori come me, sui prodotti che più mi attirano, conosciuti o meno. Per fortuna dura solo tre giorni, per distruggere poi il colesterolo in eccesso serviranno almeno due settimane di palestra!

Buona …visita!

taste
(Visited 188 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.

ARTICOLO PRECEDENTE

Il Gastronauta

PROSSIMO ARTICOLO

Che cartoccio di cavolo