Ben 9 sono state le mete che i Leoni di Treviso sono riusciti a segnare ai Newport Dragons nello scorso turno di Pro14. Mentre tutti i riflettori erano puntati sul più prestigioso torneo delle Sei Nazioni con la prova azzurra che, nonostante la sconfitta contro l’Irlanda, ha dato una boccata di ossigeno a staff e tifosi, a tutti gli appassionati non è sfuggita la grande prova dei trevigiani. Già ben caricati dalle precenti ottime prove, i Leoni si godono adesso la seconda posizione in classifica avendo superato l’Ulster nonostante la sua vittoria sulle Zebre di cui parleremo dopo.

Il prossimo turno, sabato 2 marzo, il Benetton Treviso giocherà ancora in casa ospitando l’Edinburgh rugby, vecchia spina nel fianco dei nostri. L’entusiamo è tanto e la voglia di ripetere il punteggio stellare di 57-7 grazie alle ottime prove dei ragazzi di Kieran Crowley. Logicamente un occhio di riguardo viene tenuto sui nuovi arrivati nella franchigia e sicuramente faranno piacere le due mete segnate dall’ex azzurro under20 Cannone.

Ulster – Zebre

Veniamo ora alle Zebre. I bianco neri non riescono, nonostante tutto l’impegno che mettono in ogni singola partita, a uscire dalla serie negativa in cui sono incappate. Il calendario poi non le aiuta vista la serie di partite particolarmente difficili che devono affrontare, l’ultima vittoria risale allo scontro con l’Enisei valido per la Challenge Cup.
Giocare poi a Belfast in questo periodo, dove molti giocatori sono impegnati con la nazionale, e contro una squadra fisica come l’Ulster è affare non da poco. Infatti se il Benetton Treviso festeggia una goleada (mi si passi il termine calcistico) le Zebre subiscono praticamente lo stesso divario di punteggio. Sperando che il morale non ne subisca troppo la franchigia federale guarda ora al prossimo impegno, anche questo molto impegnativo, contro i Glasgow Warriors. Speriamo che le mura amiche di Parma aiutino le Zebre a ritrovare la vittoria, che se la meritano.

(Visited 25 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.