Archiviato il 6 Nazioni con l’ennesimo cucchiaio di legno ma con la consapevolezza che, forse, il rugby italiano sta iniziando a crescere veramente guardiamo con una punta di amarezza il riconoscimento da parte di molta della stampa europea alla bravura dei giocatori italiani in quanto spesso indicati come facenti parte di una ipotetica formazione ideale scegliendo tra le sei squadre impegnate nel torneo. Come se non bastasse Matteo Minozzi è stato votato come quinto miglior giocatore del torneo, trofeo vinto una volta sola da un italiano nonostante le varie nominations da Andrea Masi nel 2011.
Forse dei premi di consolazione, visti gli scarsi introiti arrivati dal torneo quest’anno, ma come si suol dire: show must go on.

Non se lo fanno ripetere i Leoni di Treviso che sono andati ad affrontare i Southern Kings in quel di Port Elizabeth. Partita combattutissima che ha dato al Treviso, oltre alla vittoria, il punto bonus offensivo. Il solito nervosismo in campo ha favorito gli avversari che sono riusciti a ridurre drasticamente le distanze e chiudere il match per 35-36. Vittoria che avvicina il Benetton Treviso al sorpasso, prova difficile va detto, in classifica dell’Ulster e il raggiungimento della quarta posizione. Riusciranno nell’impresa?

Purtroppo tutt’altra situazione per le Zebre Rugby. Dopo un mese di assenza dal Pro14 a causa del turno posticipato per il maltempo, si trovano ad affrontare i primi classificati Glasgow Warriors. Partita a senso unico dove i bianco nero poco hanno potuto fare per arginare l’ondata scozzese nonostante il rientro dei vari giocatori impegnati con la nazionale. Un umiliante 68-7 è il punteggio subito dalle Zebre.

Poche sono oramai le partite prima della fine del torneo e l’inizio della fase delle semifinali, riusciranno le nostre franchigie a darci altre soddisfazioni?

(Visited 59 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.