Iniziato il mondiale di rugby e subito si hanno delusioni e sorprese. La delusione è, tanto per cambiare, data dalla nazionale Italiana che non è riuscita nella sua prima sortita ad arginare una poco convincente Francia. Les Bleues giocano una partita poco convincente, concentrando tutto sui calci piazzati del cecchino Michalak e sul troppo falloso gioco azzurro. Gli italiani fanno anche vedere che alla fine a rugby sanno giocarci e riescono a realizzare una bellissima meta schiacciata dal bravissimo Venditti.

Ma, alla fine, la partita di sabato è risultata essere noiosa , due mete francesi contro una italiana, con pochi veri momenti di gioco e la conferma della mancanza di identità della nostra nazionale. In altri tempi una Francia così sotto tono l’Italia l’avrebbe tranquillamente sconfitta.

Logo nazionale rugby union giapponese

E le sorprese?  In parole povere la vittoria delle piccole squadre contro le grandi “corrazzate”. Il web è stato letteralmente sommerso dalla notizia della vittoria del Giappone sul Sud Africa. Partita combattutissima ed avvincente dove i ragazzi del sol levante hanno dimostrato che anche i dilettanti, gran parte dei giocatori della squadra nipponica, possono sconfiggere giocatori due volte campioni del mondo. Ha fatto meno rumore ma è comunque notizia degna di nota la vittoria del Georgia (candidata a sostituire gli azzurri nel 6 nazioni) contro il Tonga nel pool C. Una grande lezione per il mondo del rugby e per tutto il mondo sportivo.

220px-Georgie.svg

Logo nazionale rugby union del Georgia

Vittoria anche dell’Inghilterra nella partita di apertura dei mondiali contro le isole Fiji e “goleada” Irlandese contro il Canada e del Galles contro l’Uruguay. Questi grosso modo i risultati della prima giornata del mondiale 2015 che lascia una situazione completamente aperta, vista soprattutto la bellissima prova dell’Argentina sconfitta, purtroppo, dagli All Blacks. Tutto ancora da vedere insomma. Chi salirà sul podio del campione del mondo?

(Visited 117 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.

TESTTTTTTTTTT

Che fatica!