Dover fare un tratto a piedi di dieci minuti. E decidere di prendere lo stesso la macchina. Non la bici, la macchina. Non per paura della pioggia, della neve, delle intemperie o per colpa di un ginocchio ballerino. Ma per pura indolenza. E scoprire che lì, appena dopo aver girato l’angolo della strada, c’è un ingorgo che nemmeno se dovessero fare i lavori per due linee della tramvia. Troppo traffico anche solo per fare inversione e tornare mestamente indietro. Troppo traffico per vivere.

Ma ci piace così: complicarci la vita. Complicare gli affari semplici.

Dominare una partita e prendere doppietta da uno che suscitava solo risate, appena annunciato il suo nome all’ingresso in campo. Difensore e portiere che si comprendono meno di Totti e dell’inquadratura di un obiettivo. Scartare tutti, tunnel, scavetto, essere ad un passo dal gol più bello dell’anno e centrare la traversa. Ritrovarsi in porta uno che infonde meno sicurezza del sedicente sedicenne che fa i pacchetti sotto Natale, con dodici metri di scotch e tre centimetri quadrati di carta da regalo. Tredici coccarde per ripianare le falle. E poi: in che lingua si intenderanno un serbo, un argentino e un rumeno? E nessuna battuta sulla punta che inciampa su se stesso, che tenta colpi di tacco e lancia gli avversari: perché a noi piace complicarci le cose.

Altro che ACF. ACAS Fiorentina: Associazione Complicazione Affari Semplici.

Ma meglio così: 7 gol, 3 punti e 5 anni di vita in meno. Tanto li passavamo all’incrocio del nuovo ponte dello Statuto.

Dai… che se si esce due minuti prima dallo stadio si evita il traffico!

(Visited 216 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Paolo Serena

Paolo Serena, sociologo e giornalista, toscano doc e fiorentino mezzosangue, è un gran tifoso viola e un fan senza tempo di Riccardo Zampagna.
Ama gli spaghetti alle vongole, il caffellatte con le Gocciole e il sud-est asiatico; odia la Juve.
Diventa fan di Ultras da Tastiera

TESTTTTTTTTTT

Fraintendimenti