La genesi del Decameron presenta alcune similarità con la situazione che stiamo vivendo oggi.

Alla base della raccolta di novelle infatti, c’è l’idea di un gruppo di tre ragazzi e sette ragazze che, isolati per dieci giorni in una villa di campagna per sfuggire alla peste del 1348, si intrattiene raccontandosi a turno una novella al giorno, ovvero dieci novelle in totale ogni giorno. Il Decameron infatti è composto da cento novelle.

Ogni giornata i ragazzi scelgono una regina o un re che decide l’argomento su cui verteranno le novelle. I temi erano quelli tipici della società dell’epoca: gli amori felici e gli amori non corrisposti, l’intraprendenza mercantile, la fortuna e le beffe.

L’associazione “Il Filo di Arianna”, che si occupa di visite guidate, ha avuto la piacevole idea di pubblicare video di letture delle novelle, per farci compagnia durante questa quarantena. 

A leggere con molto sentimento ogni novella c’è Martina Barreca, guida turistica, soprano e insegnante di canto moderno.

Ogni video è narrato e interpretato con molta bravura, presenta un’ambientazione che ci catapulta in un’altra epoca: candele, luci basse, il libro del Decameron che poggia su un leggio e una lieve e piacevole musica di sottofondo. Sembra proprio di immergersi nella Certaldo del ‘300!

È anche possibile scrivere alla pagina Facebook dell’associazione per fare delle richieste sulle novelle da leggere.

Una novella al giorno, toglie il medico di torno!

✴ Madame e Messeri….A voi la prima puntata di "Decameron 2020" (una novella al giorno) per allietare questi giorni particolari: la novella di "CHICHIBIO E LA GRU!" ➡️ Potete trovare i video delle novelle sulla pagina Il Filo di Arianna – Visite guidate 🔶️(Se avete in richiesta una novella in particolare…non esitate!)

Pubblicato da Il Filo di Arianna – Visite guidate su Sabato 14 marzo 2020

 

Ascoltare queste novelle può essere un’ottima attività con la quale passare il tempo in casa, poiché ci aiuta a fraternizzare non solo tra di noi che stiamo vivendo questo particolare momento storico, ma anche spiritualmente con le persone che secoli fa hanno vissuto situazioni anche peggiori, eppure ne sono uscite. 

Anche in tempi di peste si può decidere di passare il proprio tempo tra balli e canti, raccontandosi novelle, in attesa del riequilibrio della situazione. L’ombra non deve impedire il passaggio della luce.

Link

Il Filo di Arianna

@ilfilodiarianna_visiteguidate

 

(Visited 290 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Elena Sofia Frati

Studentessa di Lingue dell’Università di Firenze, classe 1992, appassionata di musica, cinema, letteratura. “Canto” e “suono” per la gioia dei miei vicini. Interessata alle questioni di genere, amo scrivere ed avere una stanza tutta per me per poterlo fare.

TESTTTTTTTTT

Ellissi impietose