Poteva essere ai giardini, mentre gli altri due – che avevo due anni scarsi – scorrazzavo felici. O in una qualsiasi via del centro, un sabato mattina di commissioni e giri per negozi. Poteva essere nella sagrestia della mia parrocchia, in casa di amici, nonni, zii. Poteva essere al supermercato. In realtà poteva capitare ovunque!
È successo anche alla festa dei miei 30 anni, al parco del Neto: “Franci, ci sono le candeline, vieni!”. “Bisogna aspettare un altro po’, ragazzi. Appena ha finito vengo”.
E la sensazione di averlo attaccato al seno, sentirlo ciucciare, sentirlo abbandonato tra le mie braccia, impegnato solo a poppare. Sentire la sua manina appoggiata al mio seno. Il calore della sua pelle sulla mia. È un’emozione che non dimenticherò mai. È uno dei privilegi dell’essere mamma. Pure con tutte le fatiche, la frustrazione del poco latte. I dubbi, il dolore fisico, le paure. E poi anche qualcosa che non avevo messo in conto e che invece ho provato: l’imbarazzo. Una sensazione lieve, quasi impercettibile. Fastidiosa da morire. Il sentirmi giudicata (male) mentre in realtà facevo qualcosa che… Insomma, davo la poppa al mio bimbo! E non ho mai capito cosa possa esserci di male nell’allattare al seno i propri figli “in pubblico”.  Sinceramente: mi sembra una roba da Medioevo. E invece qualcosa ancora c’è, se le mamme di tutta Italia hanno sentito il bisogno di organizzare un flash mob: tutte in piazza ad  allattare al seno. Anche dalle nostre parti, sì! Sabato 4 Ottobre alle 10.30 in Piazza Dante a Campi Bisenzio e alle 11.30 in Piazza Matteotti a Scandicci. Maglia bianca e accessori rosa. Ci vediamo li?!

Copyright immagine: Gioia Albano

(Visited 66 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.

TESTTTTTTTTTT

Raccontastorie