Affrettatevi perché è l’ultimo giorno in cui potrete visitare la mostra di Gianni Caverni “Florentine appetites”. Affrettatevi perché ne vale la pena, per più di un motivo.
Gianni Caverni è un artista fiorentino che ama parlare della sua città (e già questo potrebbe essere un buon motivo). Ne parla in molte delle sue fotografie, nelle quali ama ritrarre Firenze in maniera del tutto originale, sia nella scelta dei soggetti, sia nella scelta delle inquadrature, che ne offrono una visione del tutto personale e soggettiva. L’ironia di Caverni (dote che all’artista non manca anche nella vita) permea tutto il suo lavoro e gli è di ausilio nel proporre una visione lucida e disincantata di Firenze, anche nei suoi aspetti più contraddittori o addirittura inquietanti.
E un che di inquietante (anche perché assolutamente reale) lo si trova proprio nelle fotografie esposte in questa mostra. Questi “Appetiti fiorentini” evidenziano una fruizione bulimica e frenetica delle opere d’arte da parte del turismo di massa che, spesso ottuso e inconsapevole, si riversa ogni giorno nelle vie del centro della nostra città. E quindi tra le teste si intravedono un quadro o una scultura, nel caos che sarebbe più adatto a un concerto rock, che a una visita dei capolavori degli Uffizi. Ma d’altra parte è così: i musei con le loro opere d’arte, capolavori di tutti i tempi, vengono ingurgitati uno dietro l’altro, come fossero panini di McDonald’s.
Al turista non si può certo fare una colpa, ai grandi artisti del passato men che meno, agli amministratori del presente forse qualche piccolo rimprovero sì!

Florentine Appetites, fotografie di Gianni Caverni. Fino al 22 novembre. F_AIR – Florence Artist in Residence, via San Gallo 45/r. Tel. 055 0332950, http//:fair.palazziflorence.com

(Visited 88 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Beatrice Guarneri

Fiorentina da sempre, amante dell’arte da sempre. Coniuga queste due peculiarità recensendo mostre per TuttaFirenze. Altrimenti potrete incontrarla per le vigne del Chianti in sella al suo fido destriero Sel o sorprenderla mentre coccola la sua tonda miciona Zazie