“Brutto cazzone avariato”, così il librario più famoso del cinema veniva chiamato dal suo coinquilino. Il brutto cazzone avariato era Hugh Grant, un timido commesso di una libreria di Notting Hill che un giorno s’imbatte e sbatte contro Julia Roberts rovesciandogli un’aranciata addosso e finendo per innamorarsi di lei. Il coinquilino: il “masturbatore gallese” Rhys Ifans, uno dei migliori trasformisti del cinema

Nelle librerie succede di tutto. Non solo nei film. È così c’è solo da essere felici, anzi, spudoratamente felici! Sempre per citare Notting Hill, per la notizia che sta circolando in rete e sui giornali da giorni: l’apertura della nuova libreria Alzaia, felici anche se dentro non ci troveremo a lavorare il brutto cazzone avariato di Hugh Grant.

La libreria riapre negli spazi della vecchia Parterre all’interno del Cinema Stensen in Viale Don Minzoni a Firenze e si chiamerà Alzaia, come le funi che trainano le navi e i battelli controcorrente. E cosa c’è di più controcorrente che aprire una libreria dentro un cinema? Due luoghi, due spazi che non sono solo esercizi commerciali, ma punti d’incontro e virgole di pensiero.

Oggi alle 19.30 ci sarà l’inaugurazione e se proprio volete assicurarvi che insieme ai creatori e gestori del progetto Enrico Ricci, Anna Maria Bondi e Giusy Muratore, non ci sia anche Hugh Grant, non vi resta che andarci di persona. Ci vediamo lì.

Foto di Ilaria Costanzo

Foto di Ilaria Costanzo

(Visited 194 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua

Michele Arena

Interessato a tutto ciò che è Indie, ma soprattutto alla musica e al cinema, lavora come Operatore sociale a Campi Bisenzio. Il suo sogno è tenere una lezione al DAMS su Notthing Hill.