Lo scorso 4 settembre si è tenuta la prima edizione dell’Arno beach rugby.  La prima di, spero vivamente, di una lunga serie, e per molteplici motivi. La possibilità di vedersi delle partite di beach rugby, versione atipica dell’antico gioco con la palla ovale, sulle rive dell’Arno già di per se è un motivo più che valido per affacciarsi ad un evento del genere, ma la possibilità di fare poi l’aperitivo lo rende imperdibile per la sua unicità.
Nel tardo pomeriggio i giocatori dell’Aeroporto Firenze 1931 si sono dati appuntamento, appunto, allo spazio Easy Living sulla spiaggia d’Arno. Era presente parte della Old “i Ribolliti” e della squadra femminile, che quest’anno ha arricchito il suo bagaglio sportivo iniziando, appunto,  l’esperienza del beach rugby con il nome di “Le Moleste”. Hanno iniziato il riscaldamento e, nella migliore delle tradizioni balneari, a cambiarsi in loco.
Superata una prima difficoltà dovuta ad un ritardo nella consegna delle magliette, sono state definite le squadre, i turni di gioco e le partite hanno potuto avere inizio.

Come dicevo il beach rugby è molto più spettacolare di una normale partita di rugby. Essendo giocato solo da 5 giocatori in un campo di appena 20×30 metri, con la possibilità di giocare immediatamente la palla senza fare mischie o touche (ovvero tutto quello che rallenta il gioco, come nel rugby 7) è un gioco particolarmente frenetico e spettacolare, anche per i giocatori.
Turisti incuriositi hanno potuto ammirare dalle spallette di Lungarno Serristori, placcaggi e azioni di tutto rispetto con, purtroppo, qualche lieve infortunio risolto con qualche tamponatura di ghiaccio offerto dalle impressionate bariste.

Terminata la giornata di partite, giocatori e spettatori si sono avventati sul buffet festeggiando fino a tarda notte come nella migliore tradizione del terzo tempo rugbistico.
Purtroppo poca gente si è presentata a vedere le partite fatto dovuto, molto probabilmente, alla scarsa pubblicità fatta all’evento. Comunque sia si è finalmente visto in quel di Firenze un nuovo evento, qualcosa forse destinato a diventare un appuntamento annuale di rilievo nazionale. Insomma, buona fortuna e al 2015!

(Visited 80 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.