Carissimi amici, dobbiamo immensa gratitudine ad una nostra affezionata lettrice per averci fatto dono dell’ottimo scatto che fa da corredo alla nostra rubrica odierna. L’oggetto ed il soggetto, che qui si fondono in una mirabile sintesi, altro non è se non il caro buon vecchio Babbo Natale, in una delle sue versioni più deleterie, quello di arrampica muri e terrazze o, citando un’ironica canzone in proposito: «come alpinisti, grandi obesi, fanno i free climbers per molti mesi». Sì, perché l’infausta moda dei babbi-appesi, prevedeva di dimenticarli a mezz’aria ben oltre il periodo naturale delle festività comandate. Ma ecco che ancora una volta ci viene incontro un ignoto genio fiorentino che, senza perdersi in inutili dibattiti sul ruolo iconografico e sociale del suddetto celebre personaggio, si risolve in un colpo solo di porci davanti ad un curioso interrogativo. Ci sono i cassonetti per la carta, per l’umido, per il vetro e il tetra-pack, ci sono ovviamente i cassonetti per i rifiuti generici e persino quelli per riciclare i vestiti vecchi ma, dove cavolo si fa la differenziata per i babbi natali usati? Nell’incertezza ha voluto quindi gridare la sua denuncia lasciando alla nostra vista l’infelice Santa Claus di seconda mano in un semplice cestino urbano. A questo punto, pur apprezzando la forza del gesto, ci corre l’obbligo di ricordare la nostro genio l’efficace slogan di una campagna di sensibilizzazione di qualche tempo fa. “Se lo abbandoni il bastardo sei tu!”

Aiutateci a scoprire nuovi geni fiorentini. Inviateci le vostre foto e segnalazioni a geniofiorentino@tuttafirenze.it

(Visited 136 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Lorenzo Montemagno

Nato nella città più bella del mondo, in un radioso primo di Giugno del secolo scorso, ha avuto l’avventura di essere adolescente negli ormai mitici anni ’80, quando la lotta armata degli “anni di piombo” lasciava gradualmente il posto alle lotte spaziali di Goldrake, Mazinga e Jeeg robot d’acciaio. Tra i Duran Duran e gli Spandau Ballet si era già fatta strada una passione ben più pregnante, quella per la satira.
Raggiunta la maggiore età comincia a collaborare come vignettista ed illustratore per libri e riviste. Tra le cose fatte si ricordano i tre anni della trasmissione televisiva “Allo Stadio con Gioia” che portò alla pubblicazione del piccolo volume “Dal paradiso al purgatorio e ritorno” che raccoglieva le migliori vignette apparse in video. Molte vignette sono apparse nei periodici “Tuttotifo”, “La Gazzetta Viola” e, più recentemente, la nuova edizione de “Il Brivido Sportivo” e sul Vernacoliere.