Secondo le ultime indiscrezioni, Balotelli potrebbe rilanciarsi in Italia, in vista dell’Europeo del 2016. Con la maglia della Fiorentina.

Forse solo le Superga dividono di più il pubblico, tra odio e amore, rispetto al numero 45. Talento stratosferico, potenza sovrannaturale e tamarraggine oltre ogni limite pensabile. Capace di decidere una partita con una singola giocata, tanto quanto è bravo a farsi detestare dai tifosi avversari. Ma anche dai propri.

E proprio come siamo sempre stati abituati a leggere commenti sul suo conto, appena il nome di Mario è stato accostato a quello della Fiorentina, si è scatenato un frenetico tam tam di opinioni in merito al suo approdo in riva all’Arno. Commenti, spesso, non proprio positivi. Diciamo.

Ma a noi piace andare controcorrente. Per cui abbiamo stilato una classifica dei motivi per cui ci piacerebbe vedere Balotelli calcare l’erba del Franchi, con indosso una luccicante divisa viola.

Quindi eccola, la classifica degli otto motivi per cui dobbiamo sperare che SuperMario arrivi alla corte di Paulo Sousa.

8. Per gli amanti del genere, le serate hip hop del lunedì sera avranno tutto un altro appeal. Ce ne frega il giusto? Sappiamo dove trovarlo per contestarlo o idolatrarlo.

7. Perché sa battere i rigori.

6. Perché, come dicono sulle sponde della Senna, sorseggiando un buon vino francese: “Questo si scassa la Fanny Neguesha, topa da competizione”. Magari ce la ritroviamo accanto allo stadio. O anche al Circolo Arci di Novoli, a discutere di crisi greca e Tsipras.

5. Perché avremo lì, già pronto, il capro espiatorio in caso di sconfitta, senza bisogno di lunghi e noiosi processi mediatici. Non sarà stata colpa né del 4-3-3 né di un centrocampo senza mordente: sarà stata colpa soltanto del più grande centravanti – potenzialmente – del campionato, che invece  di giocare, ha deciso di passeggiare per il campo.

4. Perché rimpiangeremo Mario Gomez.

3. Perché saremo la squadra più odiata d’Italia.

2. Perché saremo la squadra più odiata da Salvini.

1. Perché può essere insolente, indisponente o strafottente; ma è uno dei più grandi talenti che il calcio italiano abbia sfornato negli ultimi venti anni.

Clicca qui e diventa fan su Facebook di Ultras da Tastiera!

balo

Fonte della foto: www.telegraph.co.uk

(Visited 261 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Paolo Serena

Paolo Serena, sociologo e giornalista, toscano doc e fiorentino mezzosangue, è un gran tifoso viola e un fan senza tempo di Riccardo Zampagna.
Ama gli spaghetti alle vongole, il caffellatte con le Gocciole e il sud-est asiatico; odia la Juve.
Diventa fan di Ultras da Tastiera