C’è qualcosa che mi preoccupa nelle reazioni di chi governa in Toscana, di fronte a quanto sta accadendo. Sul sotto attraversamento della TAV a Firenze, ho sentito solo una cantilena di “Sì, però bisogna andare avanti”. Non una parola di preoccupazione per lo scenario ipotizzato dalla magistratura, non una parola sul funzionamento dei controlli che gli enti locali devono fare. Solo a leggere che una scuola potrebbe essere in pericolo, che verrebbe usato materiale scadente, che le terre potrebbero essere inquinate e che dietro il loro smaltimento ci sarebbe l’ombra della camorra che raggiunge il Mugello, a me vengono i brividi. Perché nella nostra politica locale non s’è scosso nessuno, se non per placare gli animi e ribadire la necessità vitale dell’opera? C’è una sorta di accanimento terapeutico su quell’opera che non è comprensibile. Mi fa persino paura sentire parlare di mele marce perché mi ricorda gli anni ’90 e certe parole di Craxi. Poi scoppia la bolla del Monte dei Paschi di Siena. 13 dei 16 consiglieri della fondazione che controlla la banca sono eletti da comune e provincia di Siena. Eppure si prendono distanze e viene ribadito che i partiti sono i partiti e le banche sono le banche. Come si fa a dire una cosa del genere a Siena? Siena è anche la sua banca, nel bene e nel male, da secoli. lo sanno tutti. Ho come l’impressione che banche e grandi opere galleggino in una bolla che sorvola la Toscana, che tutto sia scollegato da un territorio, dalla politica, dagli enti locali. Viene quasi da chiedersi, ma se tutto questo vive, marcisce o muore per conto proprio, perché ci state tutti voi? La distanza che ponete fra voi e ciò che non va non vi si ritorcerà contro? La fiducia dei cittadini toscani in chi li governa, così solida nel bene o nel male da decenni, si basa sul senso di responsabilità, nel dire, noi vi governiamo così e di questo ne siamo responsabili. Se si comincia a negare potrebbe finire la politica nella bolla, lontana e staccata da tutti.

L’Incartauova esce ogni sabato sull’Unità della Toscana

(Visited 38 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua