benvenuto tsiprasI cittadini greci hanno scelto Syriza, la coalizione della sinistra radicale, la sola ed unica speranza di cambiamento e discontinuità rispetto alle politiche di austerity che hanno indebolito e annichilito, non solo il tessuto economico del Paese, ma anche la tenuta sociale di una popolazione in piena crisi umanitaria. La popolazione greca con queste elezioni ha voluto gridare che un’Europa diversa, rispetto a quella che ha ampliato le diseguaglianze sociali, è possibile.

Syriza è l’alternativa, anche rispetto alle politiche xenofobe e nazionaliste capeggiate da Alba dorata nella stessa Grecia, Marine Le Pen in Francia e dalla Lega di Matteo Salvini in Italia.

Durante questi anni di crisi economica, sociale e morale, con un tasso di corruzione altissimo, il partito Syriza ha avuto la pazienza di aspettare il suo turno, rimanendo all’opposizione e non cadendo alle lusinghe dei partiti al governo.

Il leader di Syriza, Alexis Tsipras, ha trionfato nelle elezioni che si sono tenute domenica, e solo per un soffio non ha raggiunto la maggioranza assoluta, fermandosi a quota 149 seggi, due in meno rispetto alla quota minima per formare un esecutivo senza bisogno di alleanze.

Nea Dimokratia, al governo dal giungo 2012 ha pagato le conseguenze delle scellerate politiche neoliberiste adottate, ottenendo solo 76 seggi, mentre al terzo posto si è piazzato il partito di estrema destra Alba Dorata con 17 seggi, perdendo ben 3 punti percentuali rispetto alle elezioni politiche di quasi tre anni fa.

Bisogna poi ricordare che a votare è andato poco più del 60% dei greci, di fatto una cospicua fetta della popolazione ha dimostrato di stare con Tsipras, però un’altra buona parte è rimasta a casa, sfiduciata dal corso degli eventi che si sono abbattuti in modo catastrofico sulla Grecia. Un importante compito che spetterà a Tsipras e al suo governo è dunque anche quello di far rinascere la fiducia fra i suoi cittadini, rendendoli così protagonisti interessati degli affari pubblici e del processo decisionale.

La vittoria di Syriza, passerà alla storia, ma riuscirà nella realizzazione del suo ambizioso progetto di governo?

Tsipras ha bisogno dell’appoggio di un altro partito per la formazione del suo esecutivo. L’accordo è stato raggiunto con il partito nazionalista dei greci indipendenti, Anel, nati nel 2012 dalla scissione avvenuta all’interno del partito di Nea Dimokratia. Benché politicamente distanti, le due formazioni del nuovo governo sono uniti dal fronte comune anti-austerity e contro il memorandum, cioè il patto della Grecia con la troika. Anche se si tratta di una coalizione insolita e innaturale, la creazione di questo governo può andare al di là della semplice ideologia, per il perseguimento del bene comune.

Potendo contare su un totale di 162 seggi su 300, rispettivamente 149 di Syriza e 13 di Anel, Tsipras già dai prossimi giorni potrebbe essere al lavoro con un esecutivo nel pieno dei poteri. Intanto, il leader di Syriza ha prestato giuramento davanti al presidente greco Karolos Papoulias.

Le reazioni del giorno dopo provenienti dalle varie istituzioni internazionali, hanno tutte una sola linea di pensiero: la Grecia deve rispettare i patti presi con l’Europa, senza lasciar spazio ad una possibile rinegoziazione dei termini, incurante di quanto scelto dal popolo greco, toccherà a Tsipras, europeista convinto, mettere in atto la giusta strategia politica per dimostrare l’infondatezza delle paure dell’Unione al suo progetto di riforme.

Per il momento però compito del nuovo governo greco è quello di rispettare la speranza e l’dea di cambiamento che milioni di greci hanno espresso andando a votare.

 

(Visited 69 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Giacomo Bertini

Classe ’90, dopo una fallimentare carriera calcistica ho deciso di emigrare a Bruxelles per continuare i miei studi universitari, sognando una futuro internazionale. Infatti sto frequentando un Master in Relazioni Internazionali, dopo aver conseguito una Laurea triennale in Scienze Politiche. Mi piace leggere, sia giornali che libri, per mantenermi aggiornato sotto qualsiasi aspetto. Pari alla mia passione per il calcio, c’è solo quella per il giornalismo e la politica. Non sono un grande oratore, però mi piace ascoltare e osservare il mondo che mi circonda ed esprimere con la scrittura i miei pensieri. Ed ora li condividerò con voi.
http://bertinigiacomo.blogspot.it/